Lavoro. Petteni: “Confindustria e sindacati devono fare la loro parte contro emergenza giovani. Serve intesa su nuove opportunità occupazionali”

Roma, 14 settembre 2017. "Non basta l’ottimismo. Le previsioni del centro studi di Confindustria devono spingere il Governo ed anche le parti sociali a consolidare nei prossimi mesi gli elementi della crescita". Lo sottolinea il Segretario Confederale della Cisl, Gigi Petteni. "La crescita ci permette di avere più risorse per fare interventi mirati e potenziare le proposte che stiamo mettendo in campo. Solo la crescita economica è la base su cui costruire una proposta di lavoro di qualità, stabile e produttiva. Ecco perché abbiamo tanto lavoro da fare soprattutto per quanto riguarda i giovani che è un tema su cui la Cisl da mesi si sta fortemente spendendo. Condividiamo quanto detto da Confindustria: non possiamo più perdere nessuna di queste risorse umane fondamentali in un Paese che va verso la desertificazione demografica. Ben vengano interventi forti a favore del lavoro dei giovani come la decontribuzione ma questa va legata anche ad una crescita di tipo formativo. Riteniamo altresì che le parti a partire dal sindacato e da Confindustria possano fare degli accordi che siano in grado di orientare meglio le scelte del legislatore e far partire nei luoghi di lavoro percorsi adeguati per combattere il livello grave di disoccupazione giovanile. Se non vogliamo avere più giovani che vadano via e non abbiano opportunità occupazionali nel nostro paese dobbiamo fare anche noi la nostra parte ed un'intesa su questi temi tra Confindustria e sindacati sarebbe utile, fondamentale ed importante".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.