Trasporto aereo. Piras (Fit Cisl): Ryanair rispetti le regole senza fare concorrenza sleale

Roma, 14 settembre 2017. "Da anni affermiamo che Ryanair fa concorrenza sleale alle altre compagnie aeree italiane e non solo: ora lo dice anche una sentenza della Corte di Giustizia europea", così dichiara Antonio Piras, Segretario generale della Fit-Cisl, in merito alla sentenza emanata oggi."La crisi di Alitalia - prosegue Piras - è dovuta certamente a cause interne ma anche ai problemi strutturali del settore del trasporto aereo, caratterizzato da una assenza di regole penalizzante per chi agisce correttamente rispettando le norme contrattuali e di legge vigenti in Italia".Aggiunge Emiliano Fiorentino, Segretario nazionale: "Ryanair, oltre a sottopagare i propri lavoratori, li costringe ad aprire la partita iva per agevolare se stessa nei confronti del fisco italiano. La compagnia sfrutta ogni appiglio possibile nel nostro Paese, riuscendo a riceverete contributi anche dagli enti locali dove porta passeggeri".Conclude Antonio Piras: "Ora che la Corte di Giustizia ha ristabilito principi di equità e dignità del lavoro, chiediamo che anche l'Italia faccia la sua parte ripartendo proprio da Alitalia, rilanciandola nella sua interezza e non smembrandola per cederne le parti ai migliori offerenti. Il Governo esiga che tutti nel trasporto aereo rispettino quelle regole comuni che con tanta fatica ci siamo dati: solo così potremmo iniziare a rilanciare le nostre aziende e rispettare il nostro Paese e i suoi interessi".

Leggi anche:

Ryanair. Fit Cisl: Ryanair. Fit Cisl: "Bene sentenza Corte di Giustizia Ue"
14 Settembre 2017 - "Bene la sentenza della Corte di Giustizia Ue su #Ryanair: ristabilisce equità per le lavoratrici e i lavoratori del trasporto...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.