Mezzogiorno. Sbarra (Cisl): Realizzare un patto sociale che valorizzi le eccellenze

Roma, 22 settembre 2017. “Per troppi anni si è consumato in una e dannosa continua contrapposizione tra questione settentrionale e questione meridionale. Un conflitto demenziale, che ha finito per frenare la capacità produttiva dell’intero sistema nazionale. La svolta passa dal riscatto delle tante eccellenze e dalla realizzazione di un patto sociale che le valorizzi”.Così Luigi Sbarra, segretario generale della Fai Cisl, intervenuto oggi a una tavola rotonda sullo sviluppo del Mezzogiorno organizzata dal Pd nell’ambito della Festa nazionale dell’Unità, a Imola. All'iniziativa hanno partecipato anche l'ad Invitalia Domenico Arcuri, il viceministro allo Sviluppo Teresa Bellanova, la deputata e responsabile Pd Mezzogirono Stefania Covello e il Presidente Svimez Adriano Giannola. “Dopo tanti anni di politiche anticoesive – ha aggiunto il sindacalista - i Governi Renzi e Gentiloni hanno dato finalmente margine a una visione meridionalistica. Il Dl Mezzogiorno è tassello significativo di un mosaico meridionalista che dobbiamo continuare a costruire insieme. Il bonus per l’occupazione va però mantenuto per tutto il periodo della programmazione, e la decontribuzione per le nuove assunzioni va rafforzata per intercettare la fascia degli inattivi. La formazione deve essere considerata a tutti gli effetti un investimento produttivo per le aziende”.“Ci sono esperienze di eccellenza in tanti campi, tra cui agroalimentare, il cui potenziale è enorme. Bisogna connetterle, creare network che le mettano in dialogo con i mercati nazionali e mondiali. Vanno affrontate e risolte le lentezze che impediscono la realizzazione delle infrastrutture e realizzato un più forte coordinamento con le parti sociali sui programmi per i singoli interventi. Occorre inoltre incrementare la quota di investimenti destinata al Sud dai grandi player pubblici”. Quadro essenziale entro cui progettare lo sviluppo, per Sbarra, “è la legalità e la trasparenza dell'azione amministrativa, con una lotta senza quartiere alla criminalità organizzata, e alle intermediazioni parassitarie che alimentano opachi poteri locali. Abbiamo oggi il dovere di investire sul protagonismo del Mezzogiorno, dei suoi lavoratori e imprenditori, dei sui giovani, delle sue donne, sostenendo una ripresa che lo trasformi in motore trainante del Paese. Dobbiamo partire dalla più strategica delle risorse: il capitale umano”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa