Ilva. Negoziato ArcelortMittal. Per la Fim Cisl condizioni di partenza sbagliate. Se confermate parte la mobilitazione

 Roma, 16 ottobre 2017 - "A 2 giorni dall’avvio del negoziato, se queste sono le condizioni di partenza, il piede è quello sbagliato. Ci si prospettano presupposti ancora più arretrati rispetto a quanto concordato tra l’acquirente e la gestione commissariale". Così Marco Bentivogli commenta l'avvio del negoziato tra ArcelorMittal e la gestione commissariale.  "Abbiamo ricevuto da parte di AmInvestCo Italy S.r.l (ArcelorMittal) la comunicazione prevista dall'art.47
L.428/1990 per trasferimento d'azienda relativamente all'acquisizione del Gruppo Ilva e alle sue controllate. (Ilva Milano, Genova, Novi Ligure, Racconigi, Taranto, Marghera, Legnaro, Paderno Dugnano - IlvaForm di Salerno, Taranto Energia - Ilva Servizi Marittimi di Genova e Taranto). Se tale approccio sarà confermato nell’incontro di lunedì è chiaro che il ricorso alla mobilitazione generale diventerà inevitabile". sottolinea. Alcuni stabilimenti inizieranno la mobilitazione già nelle prossime ore.Abbiamo ricevuto da parte di AmInvestCo Italy S.r.l (ArcelorMittal) la comunicazione prevista dall’art.47 L.428/1990 per trasferimento d’azienda relativamente all’acquisizione del Gruppo Ilva e alle sue controllate. (Ilva Milano, Genova, Novi Ligure, Racconigi, Taranto, Marghera, Legnaro, Paderno Dugnano – IlvaForm di Salerno, Taranto Energia – Ilva Servizi Marittimi di Genova e Taranto). 

Secondo le dichiarazioni di AmInvestCo presenti nel documento relativamente al Piano industriale riporta la volontà da implementare il piano ambientale come previsto e approvato dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dello scorso 29 settembre scorso relativamente ai fini della completa attuazione delle prescrizioni contenute nell'autorizzazione integrata ambientale; Investimenti per un rapito miglioramento degli impianti e della sua manutenzione compresi i programmi di investimento per altoforni e acciaierie; aumento della produzione dagli attuali livelli a 6MlnT per anno entro il 2018 con il mantenimento di questi livelli fino al 23 agosto 2023 a completamento del piano ambientale, dopo di che previsto aumento della produzione a 8MlnT.

Sull’occupazione, nel dettaglio 7.600 sarebbero impiegati a Taranto, 900 a Genova, 700 a Novi ligure, 160 a Milano, 240 in altri siti. Per un totale di 9.600 addetti. Quanto alle controllate sono previsti 160 dipendenti in forze aIsm, 35 a Ilvaform, 90 Taranto Energia. A cui aggiungere 45 dirigenti in funzione. A questi numeri si aggiungono i dipendenti francesi delle società Socova, Tillet che rientrano nel perimetro del gruppo. Gli esuberi, come assicurato dal Governo, saranno impiegati nelle attività di ambientalizzazione del sito di Taranto gestito dall'Amministrazione Straordinaria.
Dal punto di vista contrattuale, AmInvestCo dichiara di non tenere conto della continuità delle condizioni contrattuali dei lavoratori, fornendo su questo capitolo solo una generica disponibilità".

 

Leggi anche:

Ilva. Bentivogli (Fim Cisl): Ilva. Bentivogli (Fim Cisl): "Abbiamo ancora bisogno di chiarimenti su occupazione e sviluppo"
Roma, 9 novembre 2017. Appena concluso l’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del vice Ministro Teresa Bellanova i...
Ilva. D'Alò (Fim Cisl): Ilva. D'Alò (Fim Cisl): "Interventi di bonifica fondamentali al rilancio del sito di Taranto e dell’intero Gruppo"
Roma, 27 novembre 2017. Concluso l’incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico alla presenza del Vice Ministro Teresa Bellanova, tra i...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.