Legge di stabilità. Furlan: "Investimenti per la crescita, contratto Pa e rispetto degli accordi, le priorità per il Paese"

10 Ottobre 2017 "Sulla legge di stabilita' sabato manifesteremo insieme a Cgil e UIl, faremo presidi in tutte le citta' e in tutti i territori per ricordare al Governo e al Parlamento quelle che sono le priorita' per il Paese: investimenti per la crescita, ma anche il rispetto degli accordi fatti con il sindacato" Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a margine del Consiglio Generale della Ust Cisl di Palermo, in vista della mobilitazione organizzata da Cgil, Cisl e Uil con manifestazioni in tutte le province e davanti alle sedi delle Prefetture a sostegno dei tavoli di trattativa in corso con il Governo. 

"Dare un nuovo contratto alla Pubblica amministrazione e' per esempio un dovere verso questi lavoratori e queste lavoratrici dopo 8 anni di mancanza di contratto, ma anche un bisogno per rilanciare la Pubblica amministrazione e il suo ruolo nel Paese - ha aggiunto la leader della Cisl ricordando anche le piattaforme, su lavoro e previdenza ed il tema della salute "in un Paese in cui in troppi rinunciano alla cura anche davanti a gravi malattie a causa della poverta' diffusa".
Quanto ai segnali positivi in termini di crescita ed occupazione "Ce ne sono - ha osservato - ma sono ancora troppo deboli. Serve una finanziaria per la crescita e la lotta alla poverta' nel rispetto degli accordi su lavoro, previdenza e contratto".

Leggi anche:

Legge di bilancio. Più risorse per previdenza, welfare e lavoro: sabato 14 ottobre la mobilitazione di Cgil Cisl Uil Legge di bilancio. Più risorse per previdenza, welfare e lavoro: sabato 14 ottobre la mobilitazione di Cgil Cisl Uil
Roma, 16 ottobre 2017 - "Abbiamo fatto un confronto serio e su alcune questioni abbiamo avuto risposte congrue, su altre devono ancora arrivare...
Legge di bilancio. Legge di bilancio. "Pensioni, giovani, lavoro. Il governo si concentri sulle vere priorità del paese"
  Caserta, 17 ottobre 2017 - "La legge finanziaria può dare un contributo determinante a consolidare la crescita, ma può anche deprimerla...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.