Ilva Taranto. Flaei Cisl a Calenda: "Attivare un tavolo separato per discutere dei lavoratori elettrici della Società Taranto Energia presenti nel sito industriale"

10 Ottobre 2017 -  "Chiediamo al Ministro Calenda di attivare un tavolo separato per discutere dei lavoratori elettrici della Società Taranto Energia presenti nel sito industriale dell’ILVA soggetto a vendita". Questa la richiesta che Salvatore Mancuso, Segretario Generale aggiunto della Flaei, il sindacato degli elettrici  della Cisl, ha rivolto al Ministro alla luce della complessa questione che riguarda la cessione delle Aziende facenti capo al Gruppo Ilva. 
"Pur trattandosi di un numero ridotto di persone rispetto alla complessa trattativa generale dell’ILVA i lavoratori di Taranto Energia non solo dovrebbero subire la questione degli esuberi ma si vedrebbero cancellato il contratto di lavoro elettrico e sostituito con un contratto metalmeccanico" prosegue Mancuso ritenendo questa "una scelta senza alcun senso che produrrebbe danni economici ai lavoratori e introdurrebbe nel nostro settore un principio pericolosissimo, ovvero che ogni Azienda sarebbe libera di decidere il contratto di lavoro più conveniente a prescindere dalla tipologia di lavoro svolto.  I Dipendenti di Taranto Energia sono addetti al funzionamento della Centrale elettrica che alimenta tutto il Gruppo ILVA a Taranto e appartengono al settore elettrico in virtù del lavoro che svolgono. Il sindacato degli elettrici unitariamente attiverà tutte le iniziative necessarie per evitare che al danno si aggiungi la beffa" conclude Mancuso. 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.