Consumatori. Fatturazione 28 giorni. Adiconsum: "Apprezziamo ddl ma occorre procedere con urgenza"

Roma, 13 ottobre 2017. "Da tempo abbiamo denunciato la pratica della fatturazione a 28 giorni posta in essere dalle aziende telefoniche – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale. Per questo abbiamo chiesto, in una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, ai Presidenti di Camera e Senato, al Ministro dello Sviluppo Economico e al presidente dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, un intervento legislativo per modificare l’art. 70 del Codice delle Comunicazioni elettroniche, affinché si vieti alle aziende di modificare unilateralmente gli articoli contrattuali e le tariffe per tutta la durata del contratto, e si introduca, nel Codice del Consumo, l’obbligo del rispetto del calendario legale per la fatturazione delle aziende".  Il commento del Presidente dell'Adicosnum, Carlo De Masi, alla presentazione della proposta di legge “Morani” che introduce l’obbligo di fatturazione su base mensile, rafforza i poteri di vigilanza delle Authority competenti, prevede un aumento delle sanzioni e limita la possibilità delle aziende di telefonia di modificare in modo unilaterale le condizioni contrattuali.
 

L’art. 70, infatti, non garantisce più i consumatori, ma permette solo all’azienda di apportare modifiche unilaterali a suo esclusivo vantaggio. Nella telefonia mobile, infatti, tutti i contratti che alla stipula indicavano la durata “per sempre” o “illimitata”, con la modifica sono diventati “limitati” nel tempo e nella quantità – specifica Mauro Vergari, Responsabile Comunicazioni di Adiconsum. A nulla vale la possibilità per il consumatore di recedere dal contratto senza costi e cambiare operatore, perché tutte le aziende telefoniche applicano, ormai, la tariffazione a 28 giorni e stanno contagiando anche il mercato dei servizi in abbonamento (Sky docet!).

Ad avviso di Adiconsum, in merito alla proposta di legge "Morani" – conclude De Masi – non basta dare la possibilità alle aziende di fare le modifiche se è presente un giustificato motivo. Occorre specificare che il contratto stipulato non può variare unilateralmente durante la sua validità e che eventuali modifiche, prima di essere  applicate, devono essere autorizzate dalle Autorità.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.