Vigilanza privata e servizi fiduciari. Fisascat: "Ad oltre un anno dall'avvio, negoziato a rilento. Pronti a dare il nostro contributo per imprimere un'accelerazione"

Roma, 17 ottobre 2017 "Ad oltre un anno dall’avvio, il negoziato prosegue a rilento a discapito dei lavoratori che da un biennio attendono risposte certe sugli aumenti economici". Così il segretario nazionale della Fisascat Cisl, Vincenzo Dell’Orefice nel corso del Coordinamento nazionale Fisascat Cisl delle strutture e dei delegati del comparto dei servizi, riunitosi a Roma per fare il punto sullo stato delle trattative di rinnovo contrattuale del settore vigilanza privata e servizi fiduciari, che conta oltre 1320 imprese, per il 53% micro fino a 9 dipendenti, dislocate prevalentemente nel mezzogiorno e nelle isole con una vita media di 12 anni e un fatturato che nel 2016 ha superato i 3miliardi e 265 milioni di euro. Dal coordinamento nazionale è  dunque emersa una valutazione negativa sullo stato dei negoziati per il nuovo contratto nazionale scaduto nel 2015, applicato ai circa 70mila addetti, di cui oltre 41mila guardie particolari giurate.

 Un negoziato complesso quello tra le federazioni di categoria Cgil Cisl Uil e le associazioni imprenditoriali di settore Assiv, Legacoop Servizi, Confcooperative Federlavoro Servizi, Agci Servizi; a fronte della condivisione tra le parti sulla necessità di rivedere i capitolati contrattuali riferiti alla sfera applicativa (con l’introduzione di quattro aree di riferimento relative ai servizi di vigilanza privata, ai servizi fiduciari di sicurezza, ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi ed ai servizi di stewarding all’interno di impianti sportivi), i sindacati hanno espresso forti perplessità sulle proposte imprenditoriali sul secondo livello di contrattazione, sul sistema di classificazione, sul cambio di appalto e sugli aumenti economici, ben lontane da quanto richiesto nella piattaforma sindacale unitaria.

"Siamo pronti a dare il nostro contributo per imprimere un'accelerazione al confronto ma anche a mobilitarci se non ci saranno avanzamenti negoziali degni di nota in occasione dei prossimi incontri programmati il 25 ottobre e il 17 novembre» ha aggiunto il sindacalista. «Mentre proliferano contratti pirata che riducono drasticamente diritti e tutele dei lavoratori – ha aggiunto Dell’Orefice – crediamo sia urgente definire il rinnovo di un contratto nazionale di lavoro leader dei servizi di sicurezza forniti da privati, siglato dalle associazioni maggiormente rappresentative, che contrasti il fenomeno del dumping contrattuale e che regoli con chiarezza i frequenti cambi di appalto mantenendo i livelli occupazionali e retributivi anche prevedendo specifiche indennità da riconoscere ai lavoratori in base alle varie mansioni svolte".

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.