Caporalato. Cuccello e Sbarra(Fai Cisl): "Bene incontro al Mipaaf, serve svolta su piano prevenzione"

Roma, 18 ottobre 2017. Il segretario confederale della Cisl, Andrea Cuccello ed il segretario generale della Fai, Luigi Sbarra, hanno partecipato oggi al Mipaaf alla riunione con i ministri Martina, Minniti, Orlando e Poletti per affrontare il tema del contrasto al caporalato ad un anno esatto dall’approvazione della Legge 199. “Un incontro importante, -si legge in un comunicato congiunto- di cui ringraziamo il Governo ed in particolare il ministro Martina, che ha voluto fare il punto sull'attuazione della Legge sul caporalato mantenendo l'impegno assunto la scorsa settimana al convegno sul lavoro agroalimentare organizzato a Bari da Fai e Cisl"
 
“Nel merito - aggiungono i sindacalisti - abbiamo ribadito l’importanza di un provvedimento di civiltà, che ha dimostrato di funzionare sul versante penale, ma che continua a zoppicare sul lato della prevenzione. In particolare rileviamo troppe inerzie nella implementazione nazionale e territoriale della Cabina di Regia e della Rete di Qualità, con una confusione anche interpretativa sui criteri di ammissione delle aziende nell’organismo di certificazione etica. Chiediamo una svolta, con interventi anche regolamentari capaci di fare chiarezza su funzioni, competenze ed orientamenti della Cabina". 
 
Per Cuccello e Sbarra, "c'è poi bisogno di incentivare maggiormente l'adesione alla Rete mediante meccanismi premiali che riconoscano alle aziende iscritte adeguate decontribuzioni, agevolazioni creditizie, corsie preferenziali sui progetti finanziati con Psr. Occorre dare declinazione territoriale a queste leve, attivandole in ogni provincia e collegandole agli enti bilaterali per costruire programmi di sistema su collocamento, integrazione, alloggi, trasporti assistenza sanitaria, sicurezza, legalità". 
 
I ministri, evidenziano ancora Cuccello e Sbarra, "hanno assicurato massimo impegno già nelle prossime settimane, con interventi diretti su Inps ed istituzioni regionali per affrontare e risolvere i problemi emersi al tavolo e garantire un cambio di passo alle attività riconducibili alla prevenzione". "Anche per accelerare questo percorso - conclude Sbarra - la Fai si mobiliterà sabato 28 ottobre in tutti i territori, promuovendo un'agenda di riforme che rilanci legalità e dignità del lavoro agroalimentare".
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.