Banche. De Masi (Adiconsum): "Abbiamo bisogno di procedure di controllo più incisive"

Roma, 20 ottobre 2017 .  E' in atto in questi giorni una polemica sterile e tardiva,sulla massima carica di Banca d'Italia - dichiara Carlo De Masi, presidente di ADICONSUM nazionale - in quanto riferita a questioni ben note, che avrebbero avuto bisogno di un'attenzione e di interventi politici, ben diversi da quelli che poi sono stati attuati.Ancora una volta, ci troviamo di fronte alle solite questioni all'italiana, dove a pagare sono sempre, e solo, i cittadini/consumatori, tant'è che siamo ancora alle prese con una serie di problematiche da affrontare per salvaguardare i risparmi delle famiglie - prosegue De Masi - Solo grazie alla determinazione delle Associazioni Consumatori, a partire da Adiconsum, si sono potuti limitare i danni.La posizione di Adiconsum, rispetto a tutte le Autorità, è quella della massima indipendenza, continua Carlo Piarulli, responsabile settore credito di ADICONSUM nazionale - e riteniamo che le procedure e le modalità dei sistemi di controllo debbano essere più efficaci ed immediati, per evitare danni successivi e per salvaguardare i cittadini-consumatori.Da sempre Adiconsum ritiene che occorrono modifiche al sistema bancario nel suo complesso, separando le banche commerciali da quelle finanziarie - afferma Walter Meazza, responsabile nazionale Credito di ADICONSUM.Inoltre - conclude De Masi - è necessario evitare l'utilizzo di titoli tossici e derivati, che vengono ceduti agli ignari clienti, e, sopratutto, semplificare la farraginosa modulistica che, invece, dovrebbe riportare, in maniera chiara e trasparente, le informazioni relative al rischio sul capitale investito, le commissioni ed i tassi di interesse.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.