Sanità. Ancora un'aggressione ad un medico. Cisl Medici: "Non è più accettabile non tutelare in maniera congrua un medico che presta la propria attività"

Roma, 14 Novembre 2017 -"Non è più accettabile non tutelare in maniera congrua un medico che presta la propria attività in un servizio così delicato ed importante per i pazienti e per la collettività tutta!!". E' quanto sottolinea Annalisa Bettin, Segretario Nazionale Cisl Medici alle Politiche di Genere e Welfare, delle Pari Opportunità e del Coordinamento Donne commentando l'ennesimo episodio di violenza subito da una collega della continuità assistenziale di Foggia, "vittima di un’aggressione assurda, cui va la nostra solidarietà; contestualmente manifestiamo anche pietas umana per il paziente con problemi autore del gravissimo gesto, senza peraltro assolutamente giustificarlo". 
Nessuna scusante invece "per coloro i quali devono essere chiamati in causa per primi essendo quelli che hanno il dovere di governare in maniera appropriata il servizio sanitario regionale in tutte le Regioni italiane, garantendo l’attività medico-sanitaria in completa sicurezza per i pazienti, per i medici e per il personale sanitario. La Cisl Medici – conclude Bettin - continua ad essere in prima linea non solo nella denuncia ma anche nelle proposte affinché simili episodi non accadano più in una sanità che per moltissimi altri aspetti si annovera tra le migliori in Europa".

 

 

 

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.