Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Rossi (Fim Cisl): "Sindacato deve educare con azioni concrete"

Roma, 24 novembre 2017. Prima che di genere una questione di civiltà, di dignità umana. La giornata Internazionale contro la violenza sulle donne deve farci riflettere su quanto sia sempre più importante e prioritario intervenire con azioni concrete finalizzate alla prevenzione e alla tutela delle donne in ogni ambito della vita, da quella privata a quella lavorativa. Almeno una donna su tre nel mondo ha subito forme di violenza nella propria vita: a casa, a scuola, a lavoro. Ed è proprio in nome di questo dato impressionante che è importante, che della violenza di genere, se ne parli ogni giorno e che si sensibilizzi l’intera società nei confronti di questa tematica, figlia di una mentalità ancora patriarcale, che non accetta l’emancipazione delle donne al suo interno, tentando in maniera fortemente discriminatoria di fermarla. Fondamentale è il cambio culturale sulla costruzione dei ruoli, che fino ad oggi sono stati definiti, erroneamente, in ambito maschile o femminile e che devono essere ridisegnati in un contesto di uguaglianza e non di discriminazione. Compito del Sindacato, che ha anche il dovere di essere soggetto educatore, è quello di promuovere attraverso l’informazione e con azioni concrete, presidiando i luoghi di lavoro, la vera cultura del rispetto e dell’inclusione sociale. Il Network Daisy Fim Cisl è in rete con i centri Antiviolenza di tutto il territorio Nazionale, nel nostro impegno sindacale quotidiano, e i risultati contrattuali su conciliazione vita-lavoro e formazione lo dimostrano, non solo ci battiamo affinché il gender gap nelle retribuzioni, le discriminazioni di genere nei percorsi di carriera, le molestie nei luoghi di lavoro e la violenza contro le donne non rimangano temi oggetto di titoloni di effetto sui giornali o di tristi statistiche, ma ci impegniamo anche per dare il giusto supporto, attraverso l’ascolto e l’aiuto, a tutte quelle donne che troppo spesso non trovano la forza di denunciare. Riteniamo che un tema importante come questo vada affrontato in maniera forte e propositiva. È una questione di civiltà, di dignità umana prima ancora che di genere. È ora di cambiare una cultura che non rende giustizia a nessuno e sarà possibile solo se anche gli uomini saranno alleati delle donne e non i loro carnefici.

Leggi anche:

25 novembre.Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne 25 novembre.Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
  Il 25 novembre è stato scelto nel 1999 come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne dall’Assemblea...
Donne. Sbarra, guerra senza quartiere alla violenza di genere dentro e fuori i posti di lavoro Donne. Sbarra, guerra senza quartiere alla violenza di genere dentro e fuori i posti di lavoro
Roma, 25 novembre 2015. "Guerra senza quartiere alla violenza sulle donne, fuori e dentro i posti di lavoro". E' l'impegno della Fai Cisl nelle parole...
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.  La Cisl non abbassa la guardia. Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La Cisl non abbassa la guardia.
Roma, 25 novembre 2015. In occasione della Giornata internazionale della violenza contro le donne “la Cisl ribadisce il suo impegno contro questa...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.