Lavoro. Petteni: "Non ancora colte tutte le opportunità della ripresa, attendiamo l’operatività delle misure ottenute in legge di bilancio"

Roma, 11 dicembre 2017. “In tre anni i dipendenti in più sono oltre 900.000, portando l’occupazione vicina ai livelli pre-crisi in numero di teste, ma non ancora in  termini di ore lavorate, a causa degli ancora ampi livelli di part-time involontario”. E’ quanto sostiene in una nota il Segretario Confederale della Cisl, Gigi Petteni, commentando i dati contenuti nel Rapporto sul mercato del lavoro messo a punto da ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal.
“Se è comunque positiva l’elevata intensità occupazionale della ripresa economica, che produce effetti in tutti i settori, tranne che nell’edilizia dove la crisi occupazionale continua, è da sottolineare che nel 2017 a crescere è quasi esclusivamente  l'occupazione a termine. Inoltre  - sottolinea Petteni, i due gap, quello intergenerazionale e quello Nord – Sud, si sono acuiti con la crisi, ed ancora non sono stati recuperati”.
“Bisogna rivolgere ogni sforzo a queste persistenti criticità, per cogliere tutte le opportunità della ripresa economica oramai in corso: colpisce positivamente, ad esempio, il tasso di posti vacanti, che cresce dal 2013 e torna ai valori massimi del periodo pre-crisi, indicando spazi occupazionali da riempire agendo sul miglioramento delle politiche attive, sulle politiche scolastiche e formative, sugli strumenti di gestione delle crisi, sugli incentivi al lavoro stabile, tutte politiche che la Cisl  - ha concluso - ha proposto e sostenuto in questi anni e sulle quali si iniziano a cogliere  i segni nella legge di bilancio in via di approvazione. Segni che vanno rafforzati. Non abbasseremo la guardia”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.