Terziario. Fisascat (Cisl): "Mobilitazione addetti Distribuzione Moderna Organizzata e della Distribuzione Cooperativa"

Roma, 20 dicembre 2017 . Italia mobilitata il prossimo 22 dicembre nella giornata di sciopero dei 350mila addetti della Distribuzione Moderna Organizzata e della Distribuzione Cooperativa. La protesta, indetta congiuntamente dalle federazioni di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, è finalizzata a sollecitare un avanzamento dei negoziati di rinnovo dei contratti nazionali di lavoro. La platea dei circa 300mila lavoratori della distribuzione moderna organizzata è in attesa da quattro anni della definizione del primo contratto nazionale di lavoro; sono in stallo da quasi un anno i negoziati con l’associazione nazionale di settore Federdistribuzione che ha deciso unilateralmente di erogare aumenti economici inferiori rispetto alle previsioni negoziali dei contratti nazionali di settore già rinnovati con le associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti. Per la Fisascat Cisl, recita il comunicato sindacale diramato sui luoghi di lavoro, “non è con le erogazioni unilaterali che si risolvono i problemi dei lavoratori della grande distribuzione, ma con contratti sottoscritti dalle parti che danno regole comuni e strutturali alla categoria ed al settore, facendosi anche carico di affrontare le sfide che il mercato impone alle aziende”. “Gli atti unilaterali – prosegue la nota sindacale - mortificano il ruolo del lavoro e non riconoscono alcuna dignità al contributo operoso che le lavoratrici ed i lavoratori danno quotidianamente alla propria impresa, spesso con prestazioni ad orari ed in giorni, spesso festivi e domenicali, sottratti alla vita sociale ed agli affetti familiari”. Sono 70mila i lavoratori del sistema distributivo Coop che da quattro anni non possono “contare sui legittimi e sacrosanti aumenti salariali, che, invece, i loro colleghi dipendenti da imprese aderenti a Confcommercio ed a Confesercenti hanno avuto” recita il comunicato sindacale Fisascat Cisl “Appare dunque ingiustificato ed ingiusto che, per una pura visione ideologica del proprio ruolo negoziale - prosegue la nota sindacale - le associazioni nazionali delle imprese cooperative si sottraggano sistematicamente ad un serio confronto di merito per rinnovare un contratto nazionale di lavoro alla categoria” soprattutto per “chi afferma di essere un’impresa diversa dalle altre ed attenta al sociale, neghi proprio alle donne ed agli uomini che quotidianamente operano per consolidare nell’economia e nel Paese un tale modello di impresa il giusto compenso per il lavoro svolto”. «Lo scenario negoziale – ha dichiarato il segretario generale Pierangelo Raineri - è complicato anche dalla frammentazione dei tavoli di confronto e lo stallo delle trattative è aggravato dalla disdetta della contrattazione integrativa di settore che ha determinato la perdita di componenti salariali per gli occupati del terziario dove in questi anni è cresciuta la vertenzialità e sono aumentate le procedure di mobilità». «Per la Fisascat Cisl – ha concluso il sindacalista – è impensabile che il prezzo della crisi degli ultimi anni ricada esclusivamente sui lavoratori per i quali non è più rinviabile il rinnovo dei contratti nazionali che sappiano definire aumenti salariali dignitosi, al passo dei rinnovi già siglati, ma anche rafforzare gli interventi riferiti a welfare integrativo, esperienza consolidata e che si è dimostrata positiva per tutti i settori del terziario privato». Le piazze della mobilitazione del 22 dicembre 2017 Abruzzo/Molise – In provincia di Chieti zona Sambuceto presidio unitario alle ore 10.00 davanti il Centro Commerciale Ipercoop D’Abruzzo. Basilicata – A Matera presidio unitario davanti al punto vendita Coop. Trentino Alto Adige – A Trento presidio unitario davanti la Federazione delle Cooperative. Calabria – Volantinaggio davanti i Centri Commerciali di Lamezia Terme e Catanzaro. Campania – Ad Afragola (Na) manifestazione unitaria davanti la filiale Ikea. Presidi ad Avellino e Salerno all’esterno dei punti vendita Gs e Ipercoop. Emilia Romagna – A Bologna manifestazione unitaria davanti al punto vendita Despar di Via Stalingrado. A Piacenza presidio unitario davanti all’Ipercoop Gotico. A Reggio Emilia presidio unitario davanti l’Ipercoop Ariosto. A Parma a Ferrara e in Romagna è previsto il volantinaggio davanti i punti vendita. Friuli Venezia Giulia – A Gradisca D’Isonzo in provincia di Gorizia manifestazione unitaria con volantinaggio. A Udine volantinaggio davanti Città Fiera, Terminal Nord, Bennet. A Pordenone presidio unitario davanti Iper Coop e Interspar. Lazio – A Roma in Piazza San Silvestro alle ore 9.30 manifestazione regionale unitaria. Liguria – A Genova manifestazione unitaria alle ore 10.00 in Largo XII Ottobre Lombardia – A Milano corteo unitario con concentramento alle ore 10.00 davanti la sede di Federdistribuzione in Via Albricci 8. Marche – Ad Ancona presidio regionale unitario in Piazza del Plebiscito. Piemonte – A Torino alle ore 10.00 presidio unitario davanti la Rinascente. Ad Alessandria presidio con volantinaggio in Piazzetta della Lega. Ad Asti volantinaggio e incontro con delegazione unitaria in Prefettura. A Verbania, Novara, Vercelli, Biella volantinaggio itinerante per le vie cittadine. Puglia – A Bari presidi unitari davanti la filiale Ikea e davanti il punto vendita Coop. A Taranto, Brindisi, Lecce e Foggia presidi unitari davanti la sede delle Prefetture. Sardegna – A Cagliari alle ore 9.30 presidio unitario regionale davanti la Rinascente. Sicilia – A Palermo manifestazione unitaria con tre presidi itineranti e volantinaggio davanti la Coop di Piazzetta Bagnasco e in Via Ruggero Settimo davanti ai punti vendita Zara e Ovs. A Catania manifestazione unitaria con due presidi davanti la filiale Ikea e il punto vendita Ipercoop di San Giovanni La Punta. A Messina ed a Agrigento presidi davanti la Prefettura. A Ragusa e a Siracusa volantinaggio. Toscana – A Firenze presidio unitario alle ore 9.00 davanti la sede Legacoop Toscana in Largo Alinari 21 e alle ore 11.00 davanti le filiali Rinascente e Zara in Piazza della Repubblica. A Vignale Riotorto in provincia di Livorno presidio unitario davanti la sede di Unicoop Tirreno. A Pisa manifestazione unitaria davanti la sede Ikea. Ad Arezzo volantinaggio davanti le sedi Pam e Coop. A Siena, Pistoia, Massa Carrara e Lucca volantinaggio. Umbria – A Perugia alle ore 10.00 manifestazione unitaria davanti il punto vendita Lega Coop. Veneto – Presidi unitari a Venezia, Verona, Belluno, Treviso, Rovigo, Padova e Vicenza.

Leggi anche:

Terziario. Sbarra (Cisl): domani in piazza con la Fisascat per difendere il diritto della contrattazione Terziario. Sbarra (Cisl): domani in piazza con la Fisascat per difendere il diritto della contrattazione
Roma, 18 dicembre 2015. La Cisl sara' in prima fila a sostegno dello sciopero nazionale indetto domani dalla Fisascat Cisl insieme alle categorie...
Toscana. Sindacati: Toscana. Sindacati: "Sciopero Distribuzione Cooperativa e della Distribuzione Moderna Organizzata"
Firenze, 21 Dicembre 2017. Sciopero per il rinnovo del Contratto nazionale (agitazione indetta a livello nazionale da Cgil-Cisl-Uil di categoria),...
Terziario. Furlan (Cisl): Terziario. Furlan (Cisl): "Grande sostegno a sciopero grande distribuzione e cooperazione"
Roma, 22 dicembre 2017. "Pieno sostegno della Cisl alla Fisascat Cisl per lo sciopero di oggi dei lavoratori della distribuzione moderna organizzata e...
Emilia Romagna. Sindacati: Emilia Romagna. Sindacati: "Grande adesione a sciopero Distribuzione Cooperativa e Distribuzione Moderna Organizzata"
Emilia Romagna, 22 dicembre 2017. Grande adesione allo sciopero odierno della grande distribuzione, proclamato in tutta Italia da Filcams Cgil,...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa