Periferie. Sicet: "Necessaria una politica strutturale dell'abitare"

 Roma, 20 dicembre 2017.  “Abbiamo schierato una vasta alleanza sociale  per cambiare il senso di marcia alle politiche per la casa che, negli anni scorsi, hanno subito solo tagli e ridimensionamenti, proprio nel momento in cui, al contrario, massimo doveva essere lo sforzo per aiutare le famiglie più in difficoltà. Oggi la priorità è somministrare l’antibiotico per dare una risposta alle situazioni di maggiore fragilità, ma allo stesso tempo occorre impostare una cura ricostituente di medio e lungo periodo affinché la casa torni ad essere fattore di equilibrio sociale”.  Così il Segretario generale del Sicet Cisl, Nino Falotico, in occasione della presentazione, alla Camera dei Deputati, del dossier dal titolo “Le periferie: un grande progetto per il Paese”. “La commissione parlamentare d’inchiesta sulle periferie riconosce la necessità, da noi più volte sollecitata, di investire sulle politiche della casa e sulla riqualificazione delle periferie urbane”. Per Falotico “le periferie sono il banco di prova per misurare la capacità della politica di ricucire la coesione sociale messa a dura prova dalla crisi economica e invertire la curva delle disuguaglianze sociali. Se si risanano le periferie, sia dal punto di vista materiale che sociale, si risana il paese intero”, spiega il leader nazionale del Sicet che torna a sollecitare “una politica strutturale dell’abitare” e mette nel mirino i programmi dei partiti che si accingono alla prossima competizione elettorale. 
 
“Gli indirizzi espressi ieri dalla commissione d’inchiesta sulle periferie sono condivisibili ma vanno verificati alla prova dei fatti. Noi chiederemo ai partiti di assumere impegni vincolanti sul tema della casa a partire dalle proposte che abbiamo messo a punto con Federcasa e le altre organizzazioni sindacali degli inquilini. Impegni vincolanti - continua Falotico - significa che nella prossima legislatura vigileremo sulla concreta volontà dei partiti di fare una vera politica dell’abitare imperniata su tre priorità: rilanciare gli investimenti in edilizia publica residenziale, creare un fondo unico per il sostegno agli affitti e per le morosità incolpevoli, riequilibrare il carico fiscale tra i proprietari, che possono scegliere tra un ampio menu di bonus, e gli inquilini che hanno poco o niente”. 
 
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.