Lavoro. Furlan: "Segnali incoraggianti ma serve patto sociale per favorire investimenti e rispondere concretamente all'appello di Papa Francesco"

3 giugno 2015- "I dati dell'Istat di aprile sul tasso di occupazione sono certamente incoraggianti e rappresentano un segnale positivo, frutto della decontribuzione e degli interventi per rendere più vantaggiosi i contratti a tempo indeterminato. Ma come ha ricordato oggi anche Papa Francesco la situazione occupazionale e sociale del paese è ancora molto difficile. Ecco perché occorre fare squadra nel paese, mettendo da parte le litigiosità e le tentazioni autoreferenziali. Solo un patto sociale tra tutti i soggetti responsabili, governo centrale, regioni, imprese, sindacati, banche, può favorire la crescita e gli investimenti, creare le condizioni per nuovi posti di lavoro per i giovani, le donne e quanti hanno perso il lavoro. Non esiste alcuna giustificazione per ulteriori ritardi o rinvii rispetto a questa esigenza. E' arrivato il momento del dialogo e della partecipazione per non sprecare i segnali di ripresa dell'economia ed avviare una stagione di riforme economiche e di sviluppo. Questo è il modo migliore per rispondere concretamente all'appello di Papa Francesco che ci ha ricordato oggi l'importanza del valore sociale del lavoro, l'esigenza di maggiore partecipazione e di coesione sociale, il rispetto che bisogna avere per le persone che lavorano e per quelli che lottano per non perdere il proprio posto, come i lavoratori della Whirlpool".

Leggi anche:

Lavoro. Furlan: Lavoro. Furlan: "No a divisioni tra giovani e pensionati. Serve un patto intergenerazionale di solidarietà"
Roma, 11 gennaio 2018. “Non c’è futuro per la nostra società senza un patto intergenerazionale tra giovani e pensionati, fondato sui valori...
Lavoro. Furlan: Lavoro. Furlan: "Agenda di Governo come in Germania"
Roma 14 gennaio 2017. "Come fara' la Germania, bisogna ripartire in Italia da lavoro, fisco e famiglia con un agenda di Governo espansiva". E' quanto...
Lavoro. Furlan: Lavoro. Furlan: "Divario donne-uomini è ancora situazione grave"
Roma, 20 gennaio 2018. "Sono dati che dovrebbero far riflettere tutti. Le donne continuano ad essere l’anello debole del mondo del lavoro. Una...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.