Amazon. L'azienda diserta l'incontro in Prefettura, i dipendenti scioperano a Piacenza

Roma, 20 dicembre 2017.  Il segretario generale della Fisascat Cisl Parma e Piacenza, Francesca Benedetti, ha commentato gli ultimi sviluppi della vertenza che coinvolge i lavoratori dello stabilimento piacentino Amazon di Castel San Giovanni. "Amazon boicottando il confronto odierno con i sindacati lascia che la logica del profitto prevarichi su qualsiasi altro valore, quello della salute e della dignità dei propri dipendenti che quotidianamente concorrono ai risultati aziendali, coinvolti dagli estenuanti turni di lavoro in assenza di una contrattazione integrativa di riferimento che definisca norme esigibili sulla flessibilità regolamentata". 
"Ci troviamo di fronte ad uno scenario inquietante – ha aggiunto la sindacalista - dove agli interessi della multinazionale dell’e-commerce si contrappongono le esigenze di migliaia di lavoratori per i quali è urgente e necessario migliorare le condizioni di lavoro. Ed è per questo che oggi abbiamo richiamato l’attenzione anche dei ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico Poletti e Calenda – ha incalzato Benedetti – Affinchè  intervengano su una vertenza  che ha obiettivamente esaurito ogni  percorso di mediazione".
"L’inevitabile proclamazione dello sciopero odierno di due ore alla fine di ogni turno – ha concluso la sindacalista – è la dimostrazione del malessere dei dipendenti di Amazon. Oggi più che mai siamo vicini ai lavoratori – ha aggiunto il segretario generale della Fisascat Cisl nazionale Pierangelo Raineri - In una economia sempre più globalizzata e legata alle logiche del mercato e-commerce, le aziende, soprattutto quelle più moderne ed innovative, possono più agevolmente coniugare risultati positivi in termini gestionali e il rafforzamento patrimoniale se investono su strutturate relazioni sindacali e sulla partecipazione dei lavoratori alle scelte strategiche aziendali".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.