Elettrici. Engie recede da Ccnl, i sindacati richiedono rispetto degli impegni

Roma, 21 dicembre 2017.  Engie, azienda che produce e distribuisce su tutto il territorio energia elettrica e gas  ha ribadito la volontà di recedere dai  Ccnl elettrico e gas-acqua .“È inaccettabile e scellerata questa decisione e non procedere come chiesto dai sindacati ad una armonizzazione dei trattamenti nel gruppo" dichiarano oggi i sindacati di settore Filctem Cgil, Flaei Cisl, Femca Cisl, Uiltec Uil  "Una decisione senza precedenti nel settore dell’energia e ingiustificata che penalizza tutti: chi rischia di perdere il proprio contratto di lavoro e chi, in virtù dell’armonizzazione, auspicava ad un miglioramento dei propri trattamenti” 
“Del tutto pretestuose le posizioni di Engie – insistono i Sindacati -, incapace di dare risposte vere o giustificazioni plausibili per questa scelta tutta concentrata in un’idea che trascura la natura energetica dell’azienda e abbassa drasticamente il livello di tutela e di diritti dei suoi lavoratori. Un contratto deve sempre rappresentare la natura del settore di appartenenza ed essere sempre corrispondente ad esso”
“Ma tutto questo non interessa ad Engie - concludono i sindacati -, l’azienda perde tempo per spiegarci come dovremmo apostrofarla nei nostri comunicati concentrandosi sulla forma e trascurando la sostanza. Allora abbiamo deciso di proporre dopo le feste un concorso di idee da lanciare nei social, attraverso un hashtag, per scegliere il termine più appropriato con cui descrivere questo comportamento. Oppure potremmo suggerire di convocare un tavolo sindacale per affrontare e risolvere le questioni nel merito come si è sempre fatto”
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.