Pesca. Sindacati: subito un confronto con i ministeri competenti su erogazione indennità

Roma, 29 dicembre 2017 - "Riteniamo  inaccettabile  la mancanza di confronto sull'indennizzo e ribadiamo con forza la necessità di un immediato incontro con i ministeri competenti". Così Fai Flai e Uila Pesca che definiscono normative fantasma sia il decreto interministeriale del 21 dicembre relativo all'indennità in favore dei dipendenti e soci/ lavoratori di cooperative per il fermo biologico 2017 sia la circolare esplicativa circa le modalità di erogazione di tale indennità.
"Si tratta di atti normativi prodotti senza il confronto con le parti sociali, nonostante le innumerevoli richieste di incontro e chiarimento avanzate dal Sindacato e dalle Associazioni di categoria, che avevano come obiettivo quello di garantire modalità di gestione ed erogazione delle prestazioni semplici, a tutela del diritto dei lavoratori. Il decreto e la circolare sopracitata rivoluzionano la pratica consolidata degli accordi in sede sindacale, da sempre elemento di certezza per i lavoratori e di snellimento della burocrazia, e rendono assai complesso l'iter per ottenere tale indennità. Anzitutto il periodo entro cui produrre perentoriamente la documentazione, 1 gennaio-~31 gennaio, pena la decadenza dell’istanza, non tiene conto del fatto che, oltre alla documentazione da produrre da parte dell’impresa, si rischiano possibili rallentamenti burocratici, vista la necessaria certificazione da parte delle autorità marittime competenti, che se non ricevono indicazioni precise da parte del Mipaaf e del comando generale delle capitanerie di porto, potrebbero non attivarsi in tempi così brevi. A questo si aggiunge che il decreto e la connessa circolare evidenziano che la somma indicata deve intendersi come prestazione sostitutiva e non integrativa della retribuzione,senza la relativa copertura previdenziale. Il coinvolgimento del Sindacato e delle Associazioni di categorie da parte dei Ministeri competenti avrebbe permesso agli stessi di comprendere le specificità del settore ed evitare difetti di interpretazione nell’applicazione della normativa, che ad oggi verosimilmente si determineranno in assenza di un accordo tra le Parti sociali".

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.