Amazon. Fist Cisl: "Definire la contrattazione di settore su organizzazione lavoro e salario"

Roma, 9 gennaio 2018.  "La crescita di Amazon nel nostro Paese è senz’altro una notizia positiva  Il nostro auspicio è che Amazon riconosca l’opportunità del confronto con i sindacati sull’organizzazione del lavoro riferito a turnazioni, orari e flessibilità, partecipazione e salario variabile legato ai risultati aziendali, tematiche necessariamente da ricondurre nell’ambito di una contrattazione integrativa che trovi applicazione per le migliaia di lavoratori dipendenti e in somministrazione".  Così il segretario generale della Fist Cisl, Pierangelo Raineri, commenta l’espansione del colosso dell’e-commerce in Italia con il previsto investimento da 150milioni di euro, l’apertura di due hub in provincia di Torino e Bergamo e 1600 nuove assunzioni a tempo indeterminato.
Per la Fist  sarà anche necessario parallelamente rinnovare la contrattazione nazionale di settore per definire le nuove figure professionali nell’era della digitalizzazione. "Alla contrattazione nazionale del commercio turismo e servizi - ha concluso Raineri - spetterà il compito di governare i processi di automazione che avranno bisogno di figure professionali ad hoc, regolamentate da moderni sistemi di classificazione del personale nei contratti nazionali in una nuova organizzazione del lavoro che vedrà emergere le funzioni di controllo affidate al personale qualificato".
 
Sull'argomento leggi anche  "Amazon alla conquista dell'Italia

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.