Terziario. Sindacati: "Stallo del rinnovo contratto Imprese di pulizia"

Roma, 15 gennaio 2018. Al via a Roma il 18 gennaio all'Auditorium Antonianum di Viale Manzoni l'Assemblea Unitaria delle strutture e dei 400 delegati sindacali del settore imprese di pulizia, servizi integrati e multiservizi. L'assise, convocata dai sindacati nazionali di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti, è finalizzata a valutare nuove iniziative di mobilitazione a sostegno della vertenza che coinvolge 600mila addetti del comparto che operano prevalentemente in regime di appalto, in attesa del rinnovo del contratto nazionale di settore scaduto il 30 aprile 2013. Le trattative con le associazioni imprenditoriali Anip Confindustria, Legacoop Servizi, Federlavoro e Servizi Confcooperative, Unionservizi Confapi e Agci, in stallo da diversi mesi, nel 2017 hanno registrato delle significative distanze, con la conseguente proclamazione di una giornata di sciopero nazionale, sulle inaccettabili proposte imprenditoriali avanzate al tavolo di confronto su salario, sul trattamento economico della malattia (con il peggioramento dellíistituto contrattuale sia in termini di riduzione del periodo di comporto, sia con la penalizzazione del pagamento dei primi tre giorni~ di malattia), sul cambio di appalto (con la definizione del concetto di discontinuità per evitare líapplicazione dellíart. 2112 del Codice Civile e il trasferimento del personale nella successione e/o sostituzione tra imprese appartenenti alla stessa Ati, Rti, Consorzio, subappaltatori, ecc. senza prevedere la disapplicazione del contratto a tutele crescenti, come invece concordato in precedenza) e sulle condizioni di lavoro per i nuovi assunti (con il mantenimento al primo livello per un tempo superiore a quello attualmente previsto e la riduzione dei giorni di ferie). Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti non hanno inteso accettare che il rinnovo di un contratto nazionale, scaduto da quasi 5 anni, sia sottoposto a pregiudiziali che attaccano i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori in un settore dove le logiche del massimo ribasso e del dumping contrattuale sono purtroppo realtà quotidiane con inevitabili ripercussioni sul taglio dellíorario di lavoro e delle retribuzioni.

Leggi anche:

Terziario. Pulizia e ristorazione Ministero Difesa, i sindacati ricevuti a Roma da ufficio Gabinetto Terziario. Pulizia e ristorazione Ministero Difesa, i sindacati ricevuti a Roma da ufficio Gabinetto
Roma, 26 maggio 2015 - Apertura di un tavolo di confronto e di monitoraggio mensile e l'impegno a sollevare il problema in sede istituzionale. Sono...
Puglia. Sciopero addetti pulizia industriale presso Cementir Taranto Puglia. Sciopero addetti pulizia industriale presso Cementir Taranto
1 Luglio 2015 - Da questa mattina i 18 lavoratori già operanti nelle pulizie industriali della Cementir Italia di Taranto hanno deciso di scioperare...
Sanità. Costantini (Fisascat): licenziati 21 addetti alla pulizia sale operatorie Sanità. Costantini (Fisascat): licenziati 21 addetti alla pulizia sale operatorie
Roma, 21 novembre 2016. Licenziati 21 tra lavoratori e lavoratrici che operano all'interno dell'ospedale S. Camillo come operatori adibiti alla...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa