llva Genova. Colombini: "Occorre giungere ad un buon accordo senza indugi, i lavoratori hanno bisogno di certezze”

Roma,  17 gennaio 2018 – “L’accordo di programma  del 2005 per l’Ilva di Genova è ancora pienamente valido. Su questo tutti i firmatari concordano e ArcelorMittal dovrà tenerne conto nell’acquisto dell’Ilva. Tuttavia è chiaro che la trattativa è unica per tutta l’Ilva, sia quindi per Taranto che per Genova e per gli altri stabilimenti, con l’obiettivo prioritario di salvaguardare l’occupazione e dare una missione specifica ad ogni sito produttivo”. Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl Angelo Colombini, commentando il risultato dell’incontro di oggi al Mise sull’Ilva di Genova. 
“È giunto il momento però di passare agli approfondimenti specifici – sottolinea -  se ogni incontro è utile per snocciolare i problemi non possiamo neanche far passare troppo tempo per chiudere la partita. Bisogna giungere ad un buon accordo, senza fretta ma anche senza indugiare, perché i lavoratori hanno bisogno di certezze il prima possibile ed i tempi lunghi rischiano di far perdere ulteriore mercato all’acciaio italiano”. 
“Occorre  - conclude il Segretario confederale Cisl - iniziare a discutere impianto per impianto, linea produttiva per linea produttiva, con tutti i numeri e i dati che servono ad una discussione che riteniamo debba essere proficua per entrambe le parti”.
 
 

Leggi anche:

Ilva Genova. Fim Cisl: Ilva Genova. Fim Cisl: "Bene revisione accordo di programma, no a esuberi strutturali"
17 gennaio 2018. I rappresentanti nazionali e territoriali di Fim, Fiom, Uilm e Cgil, Cisl e Uil,   hanno incontrato questa mattina il...
Ilva. Colombini: Protocollo legalita’ di Taranto una buona notizia Ilva. Colombini: Protocollo legalita’ di Taranto una buona notizia
Roma, 25 gennaio 2018. “Due miliardi di euro per la bonifica dell’area industriale dell’Ilva potranno essere investiti con maggiore celerità...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.