Scuola. Gissi (Cisl Scuola): “Restituire al dibattito sul rinnovo del contratto più qualità, più senso e più valore”

 

 

Roma, 25 gennaio 2018. La Cisl Scuola lancia un appello affinché la trattativa sindacale per il rinnovo del contratto della scuola, a nove anni dalla sua scadenza, torni a parlare nel merito dei problemi e non sia condizionata da “polemiche che assumono talvolta i toni della rissa e degli  insulti”.

Interviene così la Segretaria generale della Cisl Scuola, Maddalena Gissi, sulle difficoltà del rinnovo del contratto che sembra “si riduca a un semplice prendere o lasciare”.

“Un contratto, per sua natura, rappresenta la mediazione possibile tra le posizioni di tutti i soggetti che partecipano al negoziato, - si legge in un comunicato del sindacato di categoria - secondo uno schema che non è peraltro riconducibile al classico confronto fra parte e controparte. La dinamica è sempre molto più articolata per la presenza di una pluralità di soggetti. Le famigerate bozze dell’Aran sono infatti da settimane l’oggetto di un lavoro accurato di esame e di messa a punto di emendamenti da parte sindacale. Da qui i tempi lunghi di una trattativa che si fa fatica a chiudere, pur essendo trascorso più di un anno dall’accordo quadro del 30 novembre 2016”.

“Perché un negoziato produca effetti positivi è indispensabile che chi lo svolge abbia piena legittimazione a discutere e a decidere, sapendo che dalla valutazione delle sue scelte dipenderà anche il suo livello di consenso. – aggiunge Gissi - Una relazione trasparente e chiara, in un contesto di democrazia nel quale aderire a un sindacato o disdettarne l’iscrizione sono e restano scelte di libertà, senza alcuna necessità di svilirle in minacce di sapore ricattatorio. Noi cerchiamo, con tutti i nostri limiti e le nostre insufficienze, di essere e restare un sindacato serio”.

Leggi la nota completa su www.cislscuola.it

Leggi anche:

Scuola. Gissi (Cisl Scuola): sulla mobilità dei docenti i nodi vengono al pettine. La contrattazione è opportunità per fare meglio, non un “freno alle riforme” Scuola. Gissi (Cisl Scuola): sulla mobilità dei docenti i nodi vengono al pettine. La contrattazione è opportunità per fare meglio, non un “freno alle riforme”
“Non passa giorno senza che venga al pettine qualche nodo della legge 107. Tutti i difetti e le incongruenze da tempo denunciati emergono con sempre...
Scuola. Gissi (Cisl Scuola): non è mai troppo tardi per aggiustare cose che non vanno. Lettera aperta a Renzi Scuola. Gissi (Cisl Scuola): non è mai troppo tardi per aggiustare cose che non vanno. Lettera aperta a Renzi
Roma, 16 dicembre 2015. Richiesto di indicare i punti di eccellenza della sua azione di governo, Renzi, ieri sera intervistato nella trasmissione...
Scuola. Gissi (Cisl Scuola), il mancato pagamento dei supplenti è una situazione vergognosa e intollerabile Scuola. Gissi (Cisl Scuola), il mancato pagamento dei supplenti è una situazione vergognosa e intollerabile
Roma, 17 dicembre 2015. “E’ una situazione vergognosa quella che si sta determinando a causa del mancato pagamento degli stipendi ai supplenti....
Istruzione. Gissi: Istruzione. Gissi: "Le storture della legge 107 non si correggono con le chiacchiere. Contrattare sulla mobilità è scelta giusta, utile e coerente"
Roma, 3 febbraio 2016 - "La trattativa in corso sulla mobilità non è un cedimento né un avallo ai contenuti della legge 107, ma l’esatto...
Scuola. Gissi (Cisl Scuola): il reclutamento non generi conflitto e divisione Scuola. Gissi (Cisl Scuola): il reclutamento non generi conflitto e divisione
Roma 12 febbraio 2016. “Altro che precariato finito, le manifestazioni che oggi si sono svolte in tutta Italia danno un segnale molto preciso: il...
Scuola. Gissi (Cisl Scuola): non basta un comunicato per dare risposte ai dirigenti scolastici Scuola. Gissi (Cisl Scuola): non basta un comunicato per dare risposte ai dirigenti scolastici
Roma, 9 marzo 2016. “Le ragioni della manifestazione di oggi dei dirigenti scolastici restano tutte confermate. Non può essere certo un comunicato...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.