Caporalato. Sbarra (Fai cisl): "Chiediamo chiarezza su rogo Rosarno"

Roma, 27 gennaio 2018. “ Stavolta è la vita di una donna che chiama in causa la responsabilità di spietati caporali, e con esse l'inefficienza di istituzioni incapaci di dare risposte adeguate a un'emergenza che da anni è sotto gli occhi di tutti. A Rosarno ancora vittime dell'incuria e dell'indifferenza, ancora morti per sfruttamento”. Lo afferma in una nota Luigi Sbarra, segretario generale della Fai Cisl, dopo il rogo che questa notte ha portato alla morte di una donna immigrata e al ferimento di diversi altri braccianti agricoli nella baraccopoli di Rosarno. “Si faccia subito chiarezza sulle dinamiche di questa tragedia - aggiunge il sindacalista - si faccia luce su cause e responsabilità. Ma una cosa è certa: le nuove vittime denunciano quanto ancora siamo lontani dal traguardo della vittoria sulla piaga dello schiavismo in agricoltura. Ci vuole più presidio istituzionale e sociale. Pesano troppe inerzie su strategie pubbliche relative a politiche abitative, trasporti, assistenza sanitaria, istruzione, mercato del lavoro e integrazione. Misure già previste, che il sindacato di categoria ha conquistato con il Protocollo Nazionale Uscita dal Ghetto, firmato al Ministero dell'Interno nel 2016, ma che ancora non riescono ad essere implementate sui territori. Ogni giorno che passa è un giorno perso: e il conto di questo ritardo, come purtroppo si vede oggi, si paga in vite umane. Bisogna agire subito, mettere in campo concretamente quel ventaglio di strumenti, muoversi ad ogni livello affinché tragedie come queste non si verifichino mai più", conclude Sbarra.

Leggi anche:

Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): "Sì a confisca beni, attivare strumenti partecipati"
Roma, 4 Settembre 2015 - "Pienamente condivisibile il progetto del Governo di estendere le responsabilità penali connesse allo sfruttamento del...
Caporalato. Sbarra: Caporalato. Sbarra: "Grazie Mattarella, serve alleanza governo-parti sociali"
Roma, 15 settembre 2015- "Grazie al Presidente Mattarella per il suo accorato monito contro la piaga del caporalato in agricoltura. La FAI-CISL si...
Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): "Un patto tra istituzioni, sindacati e imprese per l'innalzamento della qualità del lavoro agricolo"
Roma, 13 gennaio 2016. "Per debellare la piaga del caporalato non esistono scorciatoie. Bisogna valorizzare, in Italia come in Europa, il ruolo delle...
Caporalato. Sbarra (Fai-Cisl): Condividiamo attivazione del Governo su partecipazione del sindacato alle politiche sociali Caporalato. Sbarra (Fai-Cisl): Condividiamo attivazione del Governo su partecipazione del sindacato alle politiche sociali
Roma, 28 gennaio 2016. "Del tutto condivisibile la proposta espressa oggi dal governo di attivare sui territori più colpiti dalla piaga del...
Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): "Bene ddl. Controlli e politiche repressive devono essere inflessibili ma servono strumenti partecipati"
Roma, 24 febbraio 2016. "Al Governo e al Parlamento chiediamo una celere approvazione del ddl sul caporalato, insieme all'attivazione di quegli...
Agricoltura. Sbarra (Fai Cisl): Agricoltura. Sbarra (Fai Cisl): "Per combattere il caporalato il Governo valorizzi la leva della bilateralità"
10 maggio 2016 - "La bilateralità rurale rappresenta una leva contrattuale insostituibile di sviluppo e integrazione, un luogo di crescita comune in...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa