Mutilazioni Genitali. Cisl: "Tra le 61 mila e le 80 mila donne presenti sul nostro territorio hanno subito qualche forma di mutilazione. Cisl ribadisce il suo 'no' contro queste pratiche"

Roma, 6 febbraio 2018.  "In linea con l’impegno permanente contro le Mutilazioni Genitali Femminili, attraverso la nostra specifica Campagna di sensibilizzazione avviata già da tempo, “MGF – Mutilazioni Giunte alla Fine”, come Cisl, in occasione della Giornata Internazionale contro le MGF, ribadiamo la necessità di rendere sempre più consapevoli le comunità di migranti che vivono in Italia, in particolare quelle che provengono dalle aree dove il fenomeno è più evidente, sul rischio per la salute fisica e psicologica di migliaia e migliaia di bambine e ragazze che vengono sottoposte a queste pratiche". Lo dichiara in una nota Liliana Ocmin, Responsabile Dipartimento Donne, Immigrati, Giovani e del Coordinamento Donne della Cisl, in occasione della Giornata internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili. "Un fenomeno, questo- continua Ocmin- che riguarda anche il nostro Paese, che si è dotato recentemente di apposite linee guida per farvi fronte in maniera più adeguata e capillare sia in termini di prevenzione che recupero delle vittime presso i presidi sanitari. I dati diffusi in questi giorni registrano tra le 61 mila e 80 mila donne presenti sul nostro territorio che hanno subito in tenera età una qualche forma di mutilazione. La Cisl ribadisce il suo 'no' fermo contro queste pratiche che offendono non solo il corpo ma anche la dignità delle bambine e delle ragazze con gravi conseguenze dal punto di vista medico e sociale. Le MGF sono soltanto una delle tante forme di violenza di genere che non possono essere catalogate per alcun motivo sotto la voce “culturale”. Lo scambio tra le culture è ricchezza, ma nessuna cultura può e deve giustificare la violenza". "Nessuna cultura, dunque, orientale od occidentale che sia- conclude Ocmin- deve calpestare i diritti fondamentali e la dignità delle persone". 

Leggi anche:

“Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili (MGF) o altre pratiche dannose” “Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili (MGF) o altre pratiche dannose”
Il Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato sul suo sito istituzionale una ricerca - a...
Mutilazioni Genitali Femminili: sensibilizzazione ed educazione scolastica sono le armi migliori per combatterle Mutilazioni Genitali Femminili: sensibilizzazione ed educazione scolastica sono le armi migliori per combatterle
Febbraio 2017. Il 6 febbraio si celebra in tutto il mondo, la Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). Secondo i...
Giornata contro le mutilazioni femminili. Furlan: “Per debellare questa barbarie serve mobilitazione di tutta la comunità internazionale” Giornata contro le mutilazioni femminili. Furlan: “Per debellare questa barbarie serve mobilitazione di tutta la comunità internazionale”
Roma, 6 febbraio 2017. "Sono una vergogna le mutilazioni genitali femminili ai danni di bambine e donne. La Comunità internazionale e la società...
Violenza donne. Ocmin (Cisl): Violenza donne. Ocmin (Cisl): "Fermare le mutilazioni genitali femminili. in Italia a rischio 1.000 bambine"
Roma, 5 febbraio 2016- “Il tema delle mutilazioni genitali femminili è di estrema attualità e purtroppo ci riguarda sempre più da vicino”. Lo...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.