Edili. Il 14 febbraio i Direttivi unitari di Feneal, Filca, Fillea. Al centro le proposte per un solo contratto nei cantieri

8 febbraio 2018 - Si riuniranno il  14 febbraio a Roma, presso la Sala delle Carte Geografiche, in via Napoli 36, i Direttivi unitari di Feneal, Filca, Fillea che nel corso dell'iniziativa presenteranno le loro proposte sul tema del dumping contrattuale e della fuga dal contratto edile verso l’applicazione di contratti meno onerosi. "Una tendenza – dichiarano i segretari generali Vito Panzarella, Franco Turri, Alessandro Genovesi - che si sta diffondendo in varie realtà produttive e attraverso cui moltissime imprese risparmiano sulla pelle dei lavoratori e a discapito della concorrenza leale tra imprese sane”.

“Stesso Lavoro Stesso Contratto”: è quello che chiederanno le tre sigle  nel corso di questa iniziativa nazionale che avrà inizio alle 9,30, cui sono stati invitati i rappresentanti delle maggiori forze politiche. Hanno garantito la presenza l’onorevole Cesare Damiano ed i senatori Maurizio Sacconi e Federico Fornaro. 

“Il sistema del massimo ribasso – spiegano - non sembra più essere appannaggio esclusivo del sistema di aggiudicazione degli appalti pubblici, ma è oramai diventato anche il criterio di scelta dell’applicazione contrattuale da parte di molte imprese a danno della sicurezza e dei diritti dei lavoratori, della qualità delle imprese stesse e del lavoro. Per questo occorre mettere un freno alla giungla di contratti che si applicano nei cantieri edili, perché applicare il giusto contratto non è un costo ma un investimento, a partire da una riduzione del numero dei contratti e ripristinando, anche attraverso un obbligo contrattuale e normativo, l’applicazione del Ccnl più attinente alla reale attività di impresa e al luogo dove essa si svolge" concludono le tre sigle. 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (edili-direttivi-unitari-14 febbraio.pdf)La locandina 1573 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.