Edilizia. Le proposte dei sindacati per arginare il fenomeno del dumping contrattuale

14 Febbraio 2018 -  Si è svolta oggi l'iniziativa “Stesso Lavoro Stesso Contratto”, organizzata a Roma dai sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil alla presenza dell’onorevole Cesare Damiano e dei senatori Maurizio Sacconi e Federico Fornaro, nel corso della quale i sindacati hanno presentato le loro proposte per arginare il fenomeno del dumping contrattuale di Ccnl nati per uno scopo ed ora usati anche in edilizia per ridurre salari e diritti, introducendo quindi l’obbligo di applicare il contratto più attinente alla reale attività di impresa e al luogo in cui si svolge. “Nei cantieri deve essere applicato il solo contratto dell’edilizia. Il ricorso ad altri contratti ha effetti negativi sulla qualità del lavoro, delle imprese e del prodotto, e per i lavoratori comporta una perdita del salario, la mancanza di sicurezza e problemi di accesso all’Ape sociale .Innanzitutto – hanno spiegato i segretari generali delle tre sigle - è necessario intervenire sulla rappresentanza delle organizzazioni firmatarie dei contratti e bisogna emanare una legge ad hoc, a supporto dell’accordo interconfederale sui perimetri contrattuali, che preveda l’applicazione del contratto dell’edilizia in cantiere. Altre priorità sono la parificazione dei contributi Inps, la definizione di un unico contratto per tutte le imprese edili, la reintroduzione del Durc per cantiere e l’applicazione della congruità, vale a dire il corretto rapporto tra manodopera impiegata, tipo di lavorazioni e costo dell’opera. Altri interventi sono l’individuazione di un’autorità ‘terza’ che individui il contratto da applicare, l’introduzione della Patente a punti per aprire un’impresa o come sistema premiale, e il limite al primo livello per il subappalto”. Nella proposta dei sindacati è di primaria importanza anche il rilancio degli enti bilaterali: “Bisogna valorizzare gli enti paritetici riconosciuti dal ministero del Lavoro, che potrebbero anche censire e governare le tipologie di lavoratori presenti in cantiere a qualsiasi titolo, i contratti di subappalto, noli, forniture e pose in opera, oltre che verificare l’avvenuta formazione”. I sindacati hanno presentato il testo della proposta di legge ai politici presenti, che hanno preso atto degli effetti nefasti del fenomeno nel settore e si sono impegnati ad intervenire con i mezzi a loro disposizione.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.