Perugina. Cornelli (Fai Cisl): "Piano sociale che da risposte concrete"

Roma, 9 marzo 2018. "Siamo arrivati ad un accordo concreto, che nel mix delle soluzioni individuate offre prospettive reali di tutela occupazionale per le persone dello stabilimento Perugina di San Sisto, dando uno sbocco condiviso a una vertenza strategica per il Paese”. Così il segretario nazionale della Fai Cisl Attilio Cornelli saluta l’intesa odierna tra i sindacati di categoria e la Nestlé sul futuro dell’impianto produttivo umbro della Nestlé-Perugina. “Complessivamente – aggiunge – diamo vita a un piano sociale capace di dare risposte concrete agli esuberi e creare condizioni di occupabilità, sostenibilità sociale e rilancio produttivo”. L’accordo, aggiunge il coordinatore nazionale Fai Massimiliano Albanese, “va nella direzione di quanto già individuato con il verbale sottoscritto tra le parti sociali al MISE il 15 febbraio scorso, con l’impegno della direzione aziendale ad attivare lo strumento dell’iso-pensione fino a sette anni e l’eventuale proroga della CIGS ove necessaria a dare più tempo alle soluzioni di ricollocazione esterna”. Diverse le soluzioni per attutire in maniera significativa l’impatto sociale dei 364 esuberi individuati dalla Nestlè: oltre all’incentivo di 60.000 euro già definito dalle precedenti intese e all’iso-pensione si aggiungono “opzioni ti tutela occupazionale: la trasformazione incentivata del rapporto di lavoro a part-time, la successione di contratti a termine con diritto di precedenza sulla stagionalità produttiva, un concreto piano di ricollocazione sul territorio sostenuto da una dote economica a favore delle aziende disposte ad assumere con contratti a tempo indeterminato i lavoratori collocati in esubero. In quest’ultimo caso è stata prevista una garanzia sulle ricollocazioni esterne che chiama ad una un’ulteriore responsabilità l’azienda, clausola fortemente voluta dalla delegazione della Fai Cisl.” Una vertenza “difficile che nel confronto di questi mesi ha registrato il grande senso di responsabilità della delegazione della Fai Cisl, che dai delegati, alla segreteria regionale fino al coordinamento nazionale hanno voluto fortemente soluzioni occupazionali come principale risposta e risorsa alla riorganizzazione dello stabilimento Perugina avviata con il piano industriale dell’aprile 2016”, conclude Albanese.

Leggi anche:

Perugina. Presentato il piano industriale. Sbarra (Cisl) Perugina. Presentato il piano industriale. Sbarra (Cisl) "Condivisibile negli assetti complessivi. Ora rilanciare l'occupazione"
Roma, 2 Marzo 2016 - "Il piano industriale presentato oggi dalla Perugina è condivisibile negli assetti complessivi. Ora va costruito un percorso per...
Perugina. Sindacati e management siglano accordo su piano industriale. Sbarra (Fai Cisl): Perugina. Sindacati e management siglano accordo su piano industriale. Sbarra (Fai Cisl): "Risultato positivo"
Roma, 7 aprile 2016 - Firmato l'accordo quadro tra Fai-Flai-Uila e management di Nestlé-Perugina sul rilancio dello stabilimento produttivo di San...
Agroalimentare. Vertenza Perugina, oggi l'incontro al MISE. Fai Cisl: Agroalimentare. Vertenza Perugina, oggi l'incontro al MISE. Fai Cisl: "Ora riprendere confronto di merito"
Roma, 27 settembre 2017 - Si è svolto oggi al MISE l'incontro relativo alla vertenza Perugina del Gruppo Nestlè  "Netta è stata la posizione...
Agroalimentare. Fai Cisl: Agroalimentare. Fai Cisl: "Per stabilimento Perugina S. Sisto necessarie soluzioni occupazionali vere e concrete"
Roma, 18 gennaio 2018. La Fai Cisl interviene nella vertenza dello stabilimento Perugina di S. Sisto: "Basta fughe in avanti, la Fai Cisl è pronta a...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.