Governo. Furlan: "Chiunque verrà dovrà confrontarsi con il sindacato"

5 aprile -"Qualsiasi governo arriverà dovrà confrontarsi con il sindacato. Crescita, lavoro, coesione sociale: su questo bisogna spendersi di più per affrontare il disagio sociale che è oggi molto forte nel nostro paese" . Lo ha detto la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, oggi a Brescia, concludendo i lavori del consiglio generale della Cisl di Brescia. "Per rispondere al populismo occorre un sindacato propositivo per obbligare, così, gli altri a rendersi più responsabili, a partire proprio dai partiti sul tema della crescita e del lavoro. Noi siamo disposti a confrontarci con qualsiasi esecutivo, ma bisogna discutere proposte attuabili. Pretendiamo serietà dalla politica. Siamo d'accordo anche noi nel cambiare il sistema previdenziale ma i costi dell'abolizione della legge Fornero sono elevatissimi e non possiamo togliere da una parte per dare ad un'altra. Ci appelliamo al senso di responsabilità dei partiti che devono rispondere alle esigenze ed ai bisogni delle persone. Non dare un governo serio al paese sarebbe una grave responsabilità, oggi, per i partiti. Noi faremo la nostra parte, non saremo spettatori ma protagonisti nel riconoscere il cambiamento e farlo vivere al meglio. Non aspetteremo in modo passivo, ma saremo vigili e propositivi come abbiamo dimostrato in questi ultimi anni con importanti accordi sulla previdenza e sui contratti".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.