Ilva. Bentivogli, Fim: "Serve soluzione occupazionale per tutti. Senza è difficile andare avanti"

Roma, 26 aprile 2018 - Nuovo incontro per l'Ilva al Ministero dello Sviluppo Economico. "Per proseguire la trattativa - ha detto il Segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli - abbiamo ribadito che è necessaria la cancellazione di qualsiasi forma di licenziamento ed esuberi dal tavolo negoziale e, nel caso fossero necessari, incentivi all'esodo esclusivamente volontari".
Il sindacato di categoria ha chiesto che l’azienda garantisca l’occupazione a tutti quanti i 13.802 lavoratori in forza attualmente e condizioni non restrittive per tutti i lavoratori dell''indotto: "Per noi le garanzie possono passare anche dagli incentivi alle uscite, ma solo se esclusivamente su base volontaria. Abbiamo chiesto la garanzia che a fine piano, qualora ci fosse anche un solo lavoratore ancora in amministrazione straordinaria, AM Investco debba farsene carico".
L'azienda non ha accolto le richieste: "Riteniamo, a fronte di tali rigide posizioni, che non ci siano le condizioni per poter andare avanti nella trattativa fin quando non saranno seriamente prese in considerazione le osservazioni dei lavoratori", ha aggiunto Bentivogli.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.