Lavoro. Furlan: Aumento incidenti non è dovuto a fatalità. Bisogna investire di più in sicurezza e aumentare i controlli

26 aprile 2018 - “La sicurezza e la tutela della salute nei luoghi di lavoro sono la condizione essenziale in una società civile e sviluppata. Lo diremo a Prato ed in tutte le piazze italiane il primo maggio: non si può continuare a morire di lavoro”. Lo ha detto la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando i dati diffusi oggi dall’Inail. “L’aumento degli incidenti mortali sul lavoro non è dovuto ad una fatalità. Nel nostro paese ogni giorno in media tre persone muoiono sul lavoro. Il 10% sono stranieri, soprattutto edili, operai dei porti, della logistica, della chimica, delle aziende agroalimentari, giovani ed anziani. Bisogna investire in nuovi macchinari più sicuri, lavorare di più sulla prevenzione, aumentare i controlli e rendere i luoghi di lavoro sempre meno vulnerabili agli incidenti. Ed anche il sindacato deve fare di più: denunciare gli appalti al ribasso, l'eccesso di esternalizzazioni, pretendere il rispetto integrale di tutte le norme sulla sicurezza. E' un problema culturale, di rispetto per la dignità del lavoro che va difeso in questa società sempre più globalizzata ed individualista, come spesso ci ricorda Papa Francesco”.

Leggi anche:

Sicurezza sul lavoro. Furlan: “Condizione essenziale in una società civile” Sicurezza sul lavoro. Furlan: “Condizione essenziale in una società civile”
Roma, 28 Aprile 2018 - "La sicurezza sul lavoro e la tutela della salute sono diritti essenziali in tutti i paesi del mondo”. Lo scrive sul suo...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa