Scuola. Furlan: "È un bene comune da difendere. Basta insultare i lavoratori"


Roma, 4 maggio 2018.  “La violenza ed il bullismo nelle scuole sono il sintomo di una degenerazione che sta invadendo le nostre comunità. Ma la scuola è un bene comune del paese. Ed un bene comune non si insulta ma si rispetta". Lo ha detto stasera la Segretarie Generale della Cisl, Annamaria Furlan, a Rimimi all' Assemblea nazionale della Cisl scuola. "È dalla scuola che dobbiamo riprendere i fili per ritessere la coesione sociale indispensabile per far crescere il paese- ha detto la leader della Cisl. "Se non si rispetta la scuola, noi abbiamo perso la scommessa per il futuro del paese. La scuola, come il lavoro, sono stati troppe volte teatro di scontri e di speculazioni politiche. Adesso sono arrivate anche le violenze fisiche e le forme di intimidazione agli insegnanti ed al personale della scuola. Per questo come sindacato noi diciamo basta. Le elezioni per il rinnovo delle Rsu sono state un grande momento di partecipazione dove la Cisl è oggi il primo sindacato in termini di rappresentatività. Le proposte che abbiamo fatto in queste settimane nei posti di lavoro sono state condivise da tanti lavoratori che hanno votato la Cisl scuola. Adesso dobbiamo andare avanti sulla nostra strada. Dobbiamo farci promotori di un grande processo di trasformazione e di valorizzazione della scuola italiana, della ricerca, dell'università, facendo stare insieme giovani ed anziani, famiglie e territori, disoccupati ed occupati. La scuola deve diventare il fulcro dello stare insieme”.

Leggi anche:

SCUOLA. Furlan: SCUOLA. Furlan: "Per fare una buona scuola serve piu' collegialita' nelle scelte e dialogo con il sindacato"
Roma, 12 maggio 2015. "Quando parliamo di scuola parliamo di temi importanti per il paese, la scuola significa il futuro del Paese stesso, la sua...
Scuola. Cisl: Scuola. Cisl: "Stabilizzare i precari è una necessità. Pronti al confronto ma non a finta consultazione"
Roma, 17 giugno 2015- "Non si possono condizionare le 100.000 assunzioni degli insegnanti all'espressione di un consenso sui contenuti sbagliati del...
Scuola  Furlan: Scuola Furlan: "Pronti al confronto per cambiare la riforma. Ma no alle finte consultazioni"
Roma, 17 giugno 2015- "Non si possono condizionare le 100.000 assunzioni degli insegnanti all'espressione di un consenso sui contenuti sbagliati del...
Scuola: Furlan Scuola: Furlan "Il Governo non faccia orecchie da mercante sul contratto"
Roma 24 ottobre 2015 -"Il Governo non faccia orecchie da mercante. Rinnovi il contratto per ridare la giusta dignità al lavoro nella scuola". E'...
Le osservazioni e le proposte della CISL in merito al disegno di legge di riforma della scuola Le osservazioni e le proposte della CISL in merito al disegno di legge di riforma della scuola
In sintesi  i punti su cui è più urgente un intervento emendativo: pur apprezzando l’investimento finanziario per le assunzioni dei...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa