Agroalimentare. Forestazione, siglato accordo per il comparto in Basilicata. Rota (Fai Cisl): "Un segnale forte che sia da sollecito per rinnovare il contratto nazionale"

Roma, 8 Maggio 2018 - “Dalla Basilicata è giunta una novità importante per il comparto della forestazione, con la sigla dell’accordo regionale che snellisce la burocrazia e facilita il confronto, accorpando in un unico Consorzio di Bonifica i diversi soggetti di interlocuzione presenti sul territorio; un accordo che mira a favorire occupazione, professionalità, turn over generazionale, e che apre a nuove opportunità per la contrattazione decentrata. Un segnale forte che sollecita tutti i soggetti interessati a impegnarsi nel rinnovo del contratto nazionale”. Lo afferma il Segretario Generale della Fai Cisl Onofrio Rota, che aggiunge: 

“La mancanza di un tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto nazionale è grave, e la Fai Cisl continuerà a denunciarla finché tutte le istituzioni competenti non facciano concreti passi in avanti: si tratta di una situazione di stallo che riguarda quasi 60mila operai idraulico-forestali, lavoratori e lavoratrici che di fatto vedono da sei anni negato il diritto di negoziare le proprie condizioni di lavoro”.
“Sostenere il rinnovo del contratto nazionale per chi opera nella messa in sicurezza dei nostri boschi e aree verdi – conclude il sindacalista – vuol dire contribuire concretamente alla tutela dell’ambiente e alla valorizzazione del territorio e del patrimonio forestale, favorendo circoli virtuosi in termini di sviluppo sostenibile, crescita delle nostre comunità locali, contrasto della desertificazione e dello spopolamento delle aree marginali. È soprattutto sulla condivisione di questi obiettivi che parti sociali e istituzioni dovranno contare per intraprendere un percorso di reale sostegno al lavoro idraulico-forestale e ambientale e riconoscere dignità alle tante persone coinvolte”.

www.faicisl.it

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.