Sanità. Contratto di formazione-lavoro negli ospedali, Cgil, Cisl Uil: soluzione frettolosa, vistoso passo indietro"

Roma, 14 giugno 2018 - "Il cosiddetto contratto di 'formazione-lavoro' negli 'ospedali di insegnamento', nell’attesa di conoscerne i dettagli visto il quadro piuttosto fumoso, ci pare un vistoso passo indietro rispetto alle migliorie che, faticosamente, sono state ottenute negli ultimi anni".  In un articolo unitario Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Medici  sottolineano che "come spesso accade nelle situazioni di emergenza si propone una soluzione frettolosa che, a parer nostro, è profondamente sbagliata e rappresenta null’altro che un ritorno al passato".

Partendo da una sintesi di quanto avvenuto fino ad oggi le federazioni ricordano come  "da anni il Governo e le Regioni finanzino un numero largamente insufficiente di contratti di formazione specialistica. Ignorando gli appelli giunti da più parti in questi anni, compresa la nostra - precisano - siamo arrivati all’attuale situazione emergenziale: concorsi che vanno deserti per mancanza di specialisti e, parallelamente, decine di migliaia di giovani medici che non riescono ad accedere alle specializzazioni". 

"Pare piuttosto  - aggiungono - che il 'nuovo specializzando', assunto direttamente dalle aziende sanitarie, diventi manodopera a basso costo e a bassa specializzazione (visto che non ha ancora nemmeno iniziato il suo percorso formativo) per tappare i buchi di organici insufficienti.
L’accreditamento rigoroso delle scuole di specializzazione ha messo in luce i limiti di molte (troppe) scuole: carenza di casistica, attività scientifica dei docenti insufficiente, spazi inadeguati. Una parcellizzazione delle specializzazioni, spalmate a macchia di leopardo nelle varie aziende sanitarie e ospedaliere non farebbe altro che peggiorare queste criticità, restituendoci, alla fine del percorso, specialisti non in linea con i requisiti richiesti da un moderno SSN. Chi si farà garante della qualità del percorso formativo degli specializzandi negli “ospedali di insegnamento? Infine, ma non per ultimo, appare chiaro il diverso trattamento tra gli specializzandi “universitari” e gli specializzandi “territoriali”; negli ultimi anni abbiamo chiesto sacrifici a tanti giovani medici che hanno girato l’Italia, dopo un test nazionale, per intraprendere il percorso formativo conquistato con fatica. Da domani proponiamo, in virtù dello stato emergenziale, di assumere localmente i loro colleghi di qualche anno più giovani.
Il medico in formazione specialistica non può sostituire il personale di ruolo; dobbiamo farcene una ragione: formare uno specialista è un costo e ogni scorciatoia è un danno per il giovane medico, per il SSN e, in ultima analisi, per i pazienti. L’unico modo per uscire dall’emergenza è finanziare, in via straordinaria e con effetto immediato, un numero di contratti di formazione specialistica uguale al fabbisogno.  Governo e Regioni facciano la loro parte. Gli Ospedali del SSN e il Territorio siano coinvolti nel percorso di formazione degli specialisti" concludono.

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa