Pubblico Impiego. Cgil Cisl Uil: "Fare chiarezza sulla prescrizione dei contributi dei dipendenti pubblici"

Roma, 26 giugno 2018. "CGIL, CISL e UIL chiedono che venga fatta, presto, chiarezza sulla prescrizione dei contributi dei dipendenti pubblici". Così in un comunicato unitario dei Segretari confederali Roberto Ghiselli, Ignazio Ganga, Domenico Proietti. "Innanzitutto i lavoratori della pubblica amministrazione devono essere messi in condizione di verificare effettivamente la propria situazione contributiva -prosegue la nota- e, contemporaneamente, deve essere data loro la possibilità di poter segnalare le anomalie. Solo così si tutelano i lavoratori dal rischio di perdere periodi di contribuzione, con gravi danni sulla futura pensione.  Con le circolari n. 67 e n. 169 del 2017, l’INPS ha stabilito che il termine di prescrizione di 5 anni decorre dal mancato versamento dei contributi dovuti anche ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, già a partire dal 1° gennaio 2019, con un danno concreto per molti lavoratori. Ad oggi, infatti, molti lavoratori non possono ancora verificare in modo puntuale la loro posizione previdenziale, perché l’estratto conto INPS non è completo e le procedure per interrompere la prescrizione presentano ancora troppe incertezze. 
Inoltre, per noi sarebbe paradossale che l’istituto proceda a prescrivere i contributi dei dipendenti del settore pubblico: se così fosse, lo Stato sarebbe un pessimo datore di lavoro, divenendo, di fatto, un evasore contributivo. 
L’intervento del sindacato, lo scorso anno, ha fatto si che una parte dei lavoratori venisse tutelata, ma molti temi restano ancora aperti. Per questo, insieme alle categorie del settore pubblico e della scuola, abbiamo chiesto un incontro urgente al Ministro del lavoro Luigi Di Maio e al Presidente dell’INPS Tito Boeri".
 
 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa