Ilva. I commissari prorogano al 15 settembre le decisioni sul futuro dello stabilimento. Fim Cisl: "Nuova scadenza una vergogna"

Taranto, 27 giugno 2018.  Il Segretario generale della Fim, Marco Bentivogli, ha commentato la decisione dei commissari dell’Ilva di prorogare al 15 settembre le decisioni sul futuro dello stabilimento. "La nuova scadenza per la gestione commissariale al 15 settembre fatta senza motivazione e senza compiti assegnati è una vergogna. L’impianto non è sicuro, feriti e morti hanno segnato questa gestione commissariale  -  ha tenuto a sottolineare Bentivogli - che ha risparmiato in sicurezza nazionale non lesinando politiche anti-meritocratiche mentre i lavoratori rischiano ogni minuto. Sia chiaro al Ministro di Maio, al primo incidente il suo ministero sarà occupato dai lavoratori, quelli veri, se continua a parlare ai suoni followers deve sapere che ci sono persone in carne ossa che vogliono un impianto ambientalizzato e sicuro. Ci sono lavoratori che ripararono a spese loro le imbracature di sicurezza, vergognatevi" ha concluso.

E questa mattina Fim Fiom Uilm e Usb hanno scritto al Ministro  dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, chiedendo una convocazione urgente, con la presenza anche dei Commissari straordinari, "per far luce su aspetti fondamentali riguardanti la proroga e l’intera vertenza" così come deciso dal Consiglio di Fabbrica riunito in data odierna.  Tra i nodi fondamentali  "la necessità di conoscere la reale posizione del Governo sull’Ilva, senza fraintendimenti e con chiarezza anche rispetto alle ultime dichiarazioni del Ministro. Non da meno ci preme -scrivono ancora i sindacati- conoscere con quali risorse si intende traguardare la proroga stabilita, come nelle parole dei commissari, come intendono “risparmiare” e “fare ulteriori sacrifici” avendo già oggi una situazione precaria in stabilimento a cui non saremo assolutamente disponibili. A fronte di una mancata convocazione urgente, le OO.SS. annunciano la loro autoconvocazione del consiglio di fabbrica presso il ministero dello sviluppo economico per il prossimo 4 luglio" .
"L’Usb propone di indire un referendum sulla reale volontà dei dipendenti sul futuro di Ilva ma il consiglio di fabbrica ritiene superata la proposta in base ai dati della propria rappresentanza, pari alll’80% dello stabilimento, a fronte degli 8 iscritti alle organizzazioni che invece chiedono la chiusura di Ilva. Il sindacato -conclude la lettera- ribadisce che non permetterà, ne ora, né tantomeno durante questa proroga, azioni unilaterali da parte di nessuno, in assenza di accordo sindacale.

                                                                                                

Leggi anche:

Ilva Furlan: Ilva Furlan: "Questione nodale per tutto il Paese. Trovare una soluzione rapida che salvaguardi tutta l'occupazione, garantisca la sicurezza dei lavoratori e l'ambiente" 
27 giugno- “La questione dell’ Ilva è nodale non solo per Taranto e per la Puglia ma per tutto il Paese. Noi produciamo acciaio di grande qualit...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa