• Notizie
  • Comunicati stampa

Banche. Romani (First Cisl) : "In 7 anni 6289 filiali bancarie in meno"

Roma, 16 luglio 2018. “Rispetto a sette anni fa, in Italia ci sono 6.289 sportelli bancari in meno, il personale di rete è sceso di 26.249 addetti e ben 383 comuni sono rimasti totalmente privi di banche. I top manager giustificano l’abbandono del territorio con l’avanzata del digitale, ma è un pretesto, perché il ritmo delle chiusure dalla fine del 2010 è stata del 18,7% contro un calo di accessi alle agenzie solo del 7,5%. La verità è che le banche si sono trasformate in distributori di prodotti finanziari di massa, come vendessero telefonini o abbigliamento, e dunque mirano soprattutto a tagliare i costi. Così è inutile sperare nella ripresa dell’economia, urge una riforma socialmente utile del sistema bancario e l’occasione per avviarla è il prossimo rinnovo dei contratti nazionali”: è questo il commento del segretario generale di First Cisl, Giulio Romani, alla ricerca dell’Ufficio Studi del sindacato sull’andamento della presenza territoriale delle banche italiane. “Il dato più impressionante – sottolinea il responsabile dell’Ufficio Studi di First Cisl, Riccardo Colombani – è che più di un quarto delle filiali perse negli ultimi sette anni è stato chiuso nel solo 2017. A fine 2010 c’erano 33.663 agenzie bancarie, il 31 dicembre scorso erano scese a 27.374 e ben 1.653 chiusure si sono concentrate nel 2017. In un solo anno siamo scesi da 48 a 45 filiali ogni 100 mila abitanti. Se si andasse avanti a questo ritmo in una quindicina d’anni non ci sarebbe più alcuna presenza fisica delle banche sul territorio”. “I comuni serviti da almeno una filiale bancaria – aggiunge Colombani – erano 5.906 a fine 2010 e sono scesi a 5.523 alla fine dello scorso anno. A restare sguarnite sono le aree marginali, abitate da una popolazione più anziana, che si trova costretta a mantenere in casa maggiore disponibilità di contante e questo rischia di aprire la strada alla microcriminalità: il problema sociale è evidentemente sottovalutato. Altrettanto sottostimato è l’impatto sull’economia locale: sette anni fa c’erano 7,6 sportelli ogni 1.000 imprese, ora sono solo 6,2. In alcuni casi le chiusure sono incomprensibili: per esempio, dall’anno scorso Calice al Cornoviglio, in Liguria, è priva del servizio bancario nonostante la zona, la Val di Vara, sia diventata celebre come la vallata del biologico”. “La banca elettronica – prosegue Colombani - ormai ha raggiunto la saturazione: abbiamo mediamente più di un contratto home banking per famiglia (sette anni fa ne disponevano solo 68 famiglie su 100) e 71 imprese su 100 sono connesse on line con la loro banca (erano 46 nel 2010). Eppure gli italiani continuano ad entrare in filiale: in 26 milioni si rivolgono tuttora a uno sportello bancario, il 51,7% della popolazione maggiorenne. Il problema è che il crollo del numero dei dipendenti bancari ha come ricaduta un rallentamento del servizio, tant’è che il 15% dei clienti dichiara di dover fare una coda superiore ai 20 minuti contro il 14% del 2011: è come se si trattasse di una strategia delle banche per far entrare meno gente possibile in filiale e poter continuare così le chiusure indiscriminate e il taglio del personale”. “Questi dati – afferma Romani – ci dicono che la gente non vuole la chiusura in massa delle filiali bancarie, ma anche che oggi il pensiero della clientela non ha alcun peso. Se i piccoli azionisti si potessero coalizzare in un voting trust per ciascuna banca, quel pensiero però potrebbe finalmente tradursi in una voce ascoltata e i trust potrebbero orientare il voto nelle assemblee verso obiettivi socialmente rilevanti, tra i quali può figurare certamente la difesa della capillarità del servizio bancario, con particolare riferimento alla presenza di sportelli nelle zone più disagiate, come ad esempio vaste aree meridionali e insulari, la montagna o le periferie urbane”. La ricerca completa è scaricabile a questo indirizzo: http://www.firstcisl.it/wp-content/uploads/2018/07/Studio-andamento-filiali-banche-italiane.pdf

Leggi anche:

FIRST Cisl. Romani: FIRST Cisl. Romani: "Cosa nasconde l'ipotesi di maxi-fusione Intesa-Unicredit-MPS?"
Roma, 2 ottobre 2015 - "In merito a quanto pubblicato sulla prima pagina del Sole 24 ore di oggi, circa la presunta fusione fra le tre principali...
Credito. Romani (First Cisl), decreto salvabanche scelta di responsabilità. Garantire operatività e occupazione Credito. Romani (First Cisl), decreto salvabanche scelta di responsabilità. Garantire operatività e occupazione
Roma, 23 novembre 2015. "La continuità operativa di Banca Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e CariChieti...
Bancari. Romani (First Cisl), soddisfazione per l’accordo con ABI sulla proroga del Fondo per l’occupazione - FOC Bancari. Romani (First Cisl), soddisfazione per l’accordo con ABI sulla proroga del Fondo per l’occupazione - FOC
Roma, 26 novembre 2015. "Siamo molto soddisfatti di aver garantito la prosecuzione del Foc, Fondo per l'occupazione del settore, in un momento così...
Banche. Furlan e Romani (First-Cisl), le colpe di amministratori e le omissioni della vigilanza non possono scaricarsi su risparmiatori e lavoratori. Il sistema bancario va cambiato Banche. Furlan e Romani (First-Cisl), le colpe di amministratori e le omissioni della vigilanza non possono scaricarsi su risparmiatori e lavoratori. Il sistema bancario va cambiato
Roma, 11 dicembre 2015. “Prendiamo atto che oggi sia il Presidente del Consiglio Renzi, sia il Ministro Padoan riconoscono che l'Italia ha bisogno di...

Stampa