• Notizie
  • Comunicati stampa

Foggia. Furlan: "Bisogna uscire da questa gabbia omertosa. Istituzioni ed imprese fanno finta di non vedere. Va applicata fino in fondo la legge contro il capolarato"


Roma,  8 agosto 2018. "Gli incidenti accaduti in questi giorni a Foggia, con la perdita tragica di tante vite umane, non sono un fatto casuale ma la conseguenza di una grave indifferenza delle istituzioni e delle imprese, come piu’ volte hanno denunciato la Cisl e la nostra categoria la Fai Cisl, insieme agli altri sindacati". E' quanto sottolinea oggi in una lettera aperta sul Corriere Mezzogiorno la Segretaria Generale della Cisl , Annamaria Furlan. " Si parla di almeno 400 mila persone potenziali vittime di caporalato, centomila dei quali vivono in condizioni disumane ed in uno stato di schiavitù, senza acqua, servizi igienici, con una paga di 25 euro per una giornata intera di lavoro, di cui una meta' torna ai caporali per cibo, alloggi e spostamenti insicuri che spesso sfociano in tragedie come quelle di Foggia di questi giorni", aggiunge la leader Cisl. "Alla base c'e' un sistema di illegalita' diffusa, nel silenzio delle istituzioni locali, dell'apparato produttivo e financo delle multinazionali dell'industria agroalimentare che fingono di non vedere. Gli immigrati pagano i "caporali" per essere sfruttati, fanno dei lavori che per gli italiani non hanno valore. La politica discute e si divide se è giusto o meno fermare o limitare gli sbarchi, ma nello stesso tempo c'è chi fa profitti sulla pelle di queste persone, usandole come schiavi. Questa è oggi la realtà". Per la segretaria della Cisl "bisogna uscire da questa gabbia omertosa, politica e culturale, lavorare insieme per garantire agli immigrati che si trovano e lavorano in Italia permessi di soggiorno, tutele contrattuali, lavori dignitosi e trasporti sicuri. Questo dobbiamo fare e non solo perchè siamo, un paese di ex migranti o caritatevole. Ma perche’ la dignità di questi lavoratori è la nostra dignità. Per questo oggi manifestiamo a Foggia insieme ai sindacati di categoria del settore agroalimentare. Ci siamo battuti per una giusta legge contro il caporalato, ma è evidente che questa legge non è stata attuata fino in fondo. Quello che e’ accaduto a Lesina forse si poteva evitare con una vera cabina di regia a livello territoriale, controlli piu' severi, con una rete del lavoro agricolo di qualità che garantisca trasporti regolari dei lavoratori, con una gestione condivisa del mercato del lavoro agricolo. Tutti elementi sui quali esistono già sperimentazioni positive, a partire dalla stessa Puglia, ma che si fatica a far diventare sistema, come previsto dagli obiettivi della legge contro il caporalato".

Leggi anche:

Caporalato. Furlan Caporalato. Furlan "Ridare centralità alla battaglia contro lo sfruttamento del lavoro rurale"
Roma, 19 luglio 2016 - "Siamo vicini ai lavoratori dell’agricoltura ed alla Fai Cisl, che insieme alle altre Federazioni di Categoria manifesta oggi...
Caporalato. Furlan: “Ddl  passo importante che apre stagione di legalità e di rispetto del lavoro”                                  Caporalato. Furlan: “Ddl passo importante che apre stagione di legalità e di rispetto del lavoro”
Roma, 2 agosto 2016. "Il disegno di legge approvato oggi dal Senato contro il caporalato, che ci auguriamo venga approvato presto anche dalla Camera...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa