• Notizie
  • Comunicati stampa

Decreto Cig. Sbarra: "Ripristino cigs per cessazione di attività scelta importante. Ora attendiamo la proroga delle cigs nelle aree di crisi complesse e nei casi di ristrutturazioni complesse"

Roma, 13 settembre 2018- “La Cisl, al momento della riforma degli ammortizzatori sociali contenuta nel Jobs Act, aveva immediatamente sollevato la questione della Cigs per cessazione di attività, chiedendo che non venisse cancellata. Purtroppo quella richiesta non venne accolta, riuscimmo soltanto ad ottenere una norma transitoria con un finanziamento insufficiente e con durata triennale, che terminerà a fine 2018”. 

Lo dichiara il Segretario Generale aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra. “Il decreto, in approvazione oggi in Consiglio dei Ministri, che ripristina la possibilità di ottenere la cigs in caso di cessazione di attività è dunque una scelta positiva e consentirà di affrontare meglio tutti quei casi in cui una impresa, per scelta o per necessità,cessi la propria attività, non soltanto offrendo ai lavoratori la possibilità di usufruire di un periodo di sostegno al reddito , ma anche facilitando il mantenimento della struttura aziendale in vista di una eventuale acquisizione da parte di un altro imprenditore. Si tratta di un passo importante che dovrà essere seguito dalla proroga, in legge di bilancio, delle cigs in scadenza nelle aree di crisi complesse e nei casi di ristrutturazioni complesse, anche qui al fine di consentire operazioni di ripresa produttiva e, quindi , di sviluppo. A tal proposito sarebbe utile un incontro specifico con il Ministro Di Maio sul tema degli ammortizzatori”.

Stampa