• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Sbarra: "Riduzione cig effetto della ripresa ma anche delle minori possibilità di utilizzo. Chiesto incontro al Ministro Di Maio su ammortizzatori sociali e politiche attive"

Roma, 20 settembre 2018 - "Continuano a ridursi le ore autorizzate di cassa integrazione, in parte per effetto del miglioramento della situazione produttiva nei settori interessati, in parte però anche a causa delle minori possibilità di utilizzo di questo ammortizzatore sociale in seguito alle modifiche apportate dal Jobs Act: alla scadenza di tre anni dall’approvazione di quelle norme per molte aziende si riducono le possibilità di usufruire di cassa integrazione e contratti di solidarietà". Lo dichiara in una nota il Segretario Generale Aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra, commentando i dati Inps di oggi.

"Inoltre per dare una valutazione più complessiva dello stato di salute dei comparti produttivi del Paese- continua Sbarra- ci sarebbe bisogno di conoscere i dati relativi all’utilizzo del Fis e degli altri fondi settoriali che erogano le prestazioni equivalenti alla cassa integrazione nei settori da questa esclusi. La ripresa economica inizia ad avere qualche effetto anche sulle assunzioni: i dati dell’osservatorio Inps sul precariato mostrano non solo un aumento delle assunzioni in generale rispetto allo stesso periodo del 2017, ma anche una ripresa di quelle a tempo indeterminato, soprattutto per effetto di trasformazioni da precedenti rapporti a termine, che tuttavia restano la forma preponderante per assumere. In vista della legge di bilancio 2019 abbiamo chiesto unitariamente un incontro al Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico per ottenere una proroga ed ampliare alcune forme di flessibilità nell’utilizzo della cigs che erano state inserite nelle precedenti leggi di bilancio proprio per attenuare gli effetti della riforma degli ammortizzatori sociali in una fase in cui ancora molte sono le aziende in sofferenza. Ci riferiamo in particolare alle aree di crisi complesse, alle ristrutturazioni complesse, alle riorganizzazioni ed a maggiori facilitazioni per i contratti di solidarietà. Infine vi è necessità di conoscere il testo della norma sulla cigs per cessazione di attività approvata , pare , qualche giorno fa dal Consiglio dei Ministri, e di poter concordare con il Ministero del lavoro le modalità applicative. Contestualmente la legge di bilancio dovrà potenziare in maniera significativa i centri per l'impiego al fine di far decollare le politiche attive del lavoro dando finalmente attuazione ai nuovi strumenti del patto di servizio e dell’assegno di ricollocazione".

"Ma per creare nuova e buona occupazione- conclude Sbarra- la legge di bilancio dovrà mettere al centro e tra le priorità il tema della Crescita e dello Sviluppo con forti investimenti, sulle infrastrutture materiali e immateriali, impresa 4.0 , la riduzione del costo del lavoro stabile , una fiscalità di vantaggio per il Sud".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa