• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Furlan: "Dall’Inail bollettino di guerra. È una emergenza nazionale. Non c’è rispetto per il lavoro senza sicurezza"

 25 settembre, 2018 -  "Numeri impietosi dall’Inail: 713 morti sul lavoro nei primi 8 mesi dall’anno, 31 in più rispetto ai 682 del 2017. È una emergenza nazionale che chiama in causa tutti: istituzioni, politica, aziende, sindacati. Senza sicurezza non c’ è dignità e rispetto per il lavoro‬ e per la persona”. Lo scrive su twitter la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando la crescita dei morti sul lavoro nei primi otto mesi dell’anno, “un vero bollettino di guerra “ aggiunge la leader della Cisl.

Leggi anche:

Sicurezza sul lavoro. Furlan: Sicurezza sul lavoro. Furlan: "Fermare la strage. Istituzioni ed imprese ascoltino appello Mattarella". Cgil, Cisl, Uil: "Servono più risorse. Aprire confronto con Inail, Di Maio e Parlamento"
14 ottobre 2018 - "Dall’inizio dell’anno tre morti al giorno sul lavoro. Bisogna fermare questa strage. Sicurezza ed ambiente sicuro sono una scelta...

Stampa