• Notizie
  • Comunicati stampa

Def. Furlan: "Aumento rapporto deficit. Pil serve se si investe su crescita ed investimenti. Spread lo pagano le famiglie italiane"

Genova 28 settembre 2018 - “Aspettiano di leggere il Def e di vedere nelle prossime settimane la manovra economica del Governo. E’ complicato parlarne e dare giudizi senza averne analizzato i testi". Lo ha detto oggi a Genova la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, a margine del Convegno organizzato dalla Fnp Cisl Liguria su pensionati, famiglie, qualità della vita. "Stamattina rispetto alla programmazione del rapporto deficit- pil al 2,4 % lo spread è ripartito. E lo spread va detto lo pagano le italiani e gli italiani e quindi tutte le famiglie. C’è però un tema che è importante: pochi decimali in più o in meno nel rapporto deficit- Pil sono utili se servono a far ripartire il Pil, cioè la crescita e l’occupazione nel nostro paese".
"Quindi sarà importante che oltre ai temi che ovviamente ha scelto il governo come priorità nell’ accordo tra i due partiti ci sia tanta tanta determinazione ad investire sulla crescita: infrastrutture, innovazione, ricerca, formazione, sostenere le aziende che investono nello sviluppo dell’ impresa : questo sarà fondamentale per noi”.

Stampa