Riders. Cgil, Cisl, Uil chiedono confronto fra aziende e sindacati su vendita Foodora a Glovo

Roma, 13 novembre 2018 - "In questi giorni è stata annunciata la vendita di Foodora a Glovo nel settore del food delivery e, soprattutto, la presunta volontà di quest’ultima di non voler dare continuità ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati da Foodora con quasi 2000 rider in tutta Italia. Nessuna procedura formale, che a determinate condizioni è obbligatoria per quanto concerne i lavoratori dipendenti, è stata finora comunicata alle Organizzazioni Sindacali territoriali o nazionali . Cgil, Cisl e Uil chiedono fin da subito alle aziende coinvolte e alla nuova proprietà che si apra un confronto per valutare gli effetti della vendita/ passaggio di proprietà~ sui lavoratori coinvolti, sia sull'occupazione che sulla tipologia di rapporto di lavoro da garantire loro. La volontà di confronto e di migliorare le condizioni di lavoro dei riders sono ciò che accumuna e che tiene insieme, nonostante le diverse specifiche posizioni, tutte le parti che partecipano al tavolo promosso dal Ministero del lavoro e che deve passare rapidamente dalle buone intenzioni al confronto sulle proposte concrete.  Chiediamo, quindi, a questo Ministero, concludono Cgil Cisl e Uil, di farsi parte attiva perche’ si avvi su questa vicenda un confronto specifico fra Aziende e sindacati che deve avere come obiettivo la continuità ai rapporti di lavoro e il non peggioramento delle attuali condizioni economico- normative".

Leggi anche:

Lavoro. Sbarra: Lavoro. Sbarra: "Positivo l'accordo che assume i riders a Firenze a tempo indeterminato e riconosce il ccnl della logistica. Questa la strada da seguire per tutte le aziende del settore"
10 maggio 2019 - "L'accordo di oggi sottoscritto dai sindacati territoriali di categoria Fit Cisl , Filt Cgil e UIL Trasporti a Firenze indica la via...

Stampa