• Notizie
  • Comunicati stampa

Inps: Sbarra: preoccupa aumento cig, servono investimenti e politiche attive

Roma, 22 novembre - "Anche se le ore di cassa integrazione continuano a mostrare un trend di riduzione anno su anno, il dato congiunturale mostra un balzo significativo: in ottobre sono state autorizzate il 69,7% di ore in più rispetto a settembre, buona parte delle quali relative alla cassa integrazione straordinaria, vale a dire quella che segnala crisi e riorganizzazioni, non fermi temporanei. Si tratta di un segnale preoccupante se si considera che nel terzo trimestre 2018 si è registrata una frenata del Pil dopo tre anni e mezzo di crescita". Così il Segretario Generale aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra, commenta i dati Inps di oggi. "Pesa la debolezza dell'attività industriale- sottolinea Sbarra- ed il rischio è quello di una nuova fase recessiva, quando le imprese italiane, neppure tutte, erano da poco uscite dalla precedente.
Contemporaneamente i dati Inps dell’Osservatorio Precariato confermano il trend, in corso dall’inizio dell’anno, di aumento dei rapporti a tempo indeterminato rispetto al 2017, dovuto soprattutto all’aumento delle trasformazioni da contratti a termine. Si tratta di una tendenza positiva che rischia però di non durare se i segnali di recessione dovessero confermarsi. La legge di bilancio, da questo punto di vista, non fa abbastanza, basando la spinta propulsiva alla domanda interna esclusivamente su “quota 100” e reddito di cittadinanza, misure che, peraltro, nella migliore delle ipotesi partiranno tra diversi mesi. Occorre invece riposizionare l’Italia dal punto di vista della crescita e della competitività investendo su infrastrutture , politica industriale , sostegno ai settori produttivi , innovazione, ricerca , formazione e competenze che invece nella Legge di bilancio, fortemente sbilanciata sulla spesa corrente, non sono adeguatamente sostenute. Anche gli interventi di rafforzamento dei Centri per l’impiego, per i quali pure è stanziata una cifra importante, sono demandati a prossimi interventi normativi, e soprattutto paiono considerare i Centri esclusivamente come strumenti deputati a favorire/controllare l’erogazione del Reddito di cittadinanza. I Centri per l’Impiego , raccordati con le agenzie di lavoro private e con il sistema della bilateralità , devono invece finalmente diventare lo strumento per poter offrire sostegno alle persone in cerca di occupazione, e a quelle a rischio di disoccupazione come i cassintegrati, e non soltanto a chi sarà beneficiario, in base a certe soglie Isee, del Reddito di cittadinanza". "Viceversa- conclude Sbarra- abbiamo considerato positivi e rispondenti alle nostre richieste gli interventi, parte nel decreto fiscale, parte in legge di bilancio, ldi proroga e ampliamento della cassa integrazione straordinaria a sostegno delle imprese in difficoltà".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa