• Notizie
  • Comunicati stampa

Violenza donne. Coordinamento Nazionale Donne Cisl ed associazioni cattoliche, impegno comune

Roma, 24 novembre 2018 - "La Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne , istituita nel 1999 dall’Assemblea delle Nazioni Unite, ricorda ogni 25 novembre l’impegno inderogabile per tutti, istituzioni pubbliche e private, associazioni e movimenti a proseguire in ogni contesto la riflessione e la sensibilizzazione per sconfiggere il dilagante e assai deplorevole fenomeno della violenza contro le donne". Così in una nota congiunta diffusa dal  Coordinamento Nazionale Donne Cisl e dalle Associazioni cattoliche, Umofc (Unione mondiale delle donne Cattoliche ), ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) , Azione Cattolica Italiana, Centro Italiano Femminile, API-COLF (Associazione Professionale Italiana Collaboratori Familiari), Confederazione Italiana dei Consultori Familiari di Ispirazione Cristiana, Fondazione Beato Federico Ozanam- San Vincenzo De Pauli.

"In questa giornata diciamo tutti , società civile, istituzioni e associazioni - prosegue la nota - STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE con manifestazioni, dibattiti, confronti e convegni, ma non basta. Occorre un forte movimento etico per rompere la subcultura del “possesso”; occorre rompere il silenzio, occorre che le donne non sottovalutino e non tacciano i primi segnali di pericolo per evitare il “crescendo” che porta ad atti irrimediabili.

Le nostre associazioni e organizzazioni, da sempre attente all’infanzia e alle donne, fanno appello in occasione della ricorrenza del 25 novembre, affinché si possa investire maggiore attenzione ed energie nella prevenzione di tutti i fenomeni di violenza, anche quelli che nella famiglia si generano e si alimentano e che si ripercuotono anche sui minori, spesso vittime dirette e passive della stessa violenza.

Solo un’educazione al rispetto della persona e un lavoro capillare contro ogni stereotipo, insieme ad una politica istituzionale chiara e forte contro la violenza, possono aiutare la nostra società a progredire in umanità. Si tratta di riprendere un ampio lavoro culturale sul valore della persona umana, soprattutto là dove è più debole; si rende necessario riprendere, leggendolo nell’oggi, il progetto di promozione e di crescita spirituale, sociale e politica della donna.

Nel corso della storia, le donne hanno lottato per veder riconosciuta la pari dignità e i pari diritti con l’uomo, loro compagno di strada. Nonostante l'aver ottenuto significativi risultati sul piano della partecipazione democratica e dell’uguaglianza delle opportunità, ancora oggi purtroppo si perpetrano quotidianamente atti di violenza e permangono molteplici forme di discriminazione (lavoro, vita sociale , politica) di pregiudizi e stereotipi. Riteniamo necessario e urgente, quindi, da una parte riprendere con impegno percorsi educativi orientati alla non violenza e al rispetto dell'altro e dall'altra, prevedere adeguati sostegni familiari e innovativi strumenti legislativi e politiche sociali che contribuiscano a una migliore armonizzazione della vita familiare con quella personale e lavorativa della donna.

Le nostre Associazioni e organizzazioni si impegnano a potenziare il lavoro di rete con tutti gli interlocutori a livello territoriale, consapevoli che quanto più intenso e comune sarà il senso di responsabilità , maggiore sarà l’efficacia per abbattere ed eliminare la piaga sociale della violenza sulla donna.

A ricordo di tutte le donne vittime della violenza, delle guerre e della povertà, delle donne costrette a fuggire dai loro paesi, delle donne morte con i loro figli, le donne vittime della tratta, le nostre Associazioni e organizzazioni impegnate per la promozione sociale, civile, culturale della donna in ogni luogo , a partire dalla famiglia, chiedono alle Istituzioni preposte di porre a regime tutte le norme di contrasto alla violenza alle donne.

Ci auguriamo , inoltre, che sempre di più nella vita del Paese e nella Chiesa si possa promuovere la presenza della donna così come auspicato da Papa Francesco : “c’è ancora bisogno di allargare gli spazi per una presenza femminile più incisiva nella Chiesa. Perché «il genio femminile è necessario in tutte le espressioni della vita sociale; per tale motivo si deve garantire la presenza delle donne anche nell’ambito lavorativo» e nei diversi luoghi dove vengono prese le decisioni importanti, tanto nella Chiesa come nelle strutture sociali” (EG 103)" conclude la nota.

Leggi anche:

Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Furlan: Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Furlan: "Bisogna far rispettare le donne in tutti i contesti: sociali, lavorativi e familiari"
25 Novembre 2018 - "C’è ancora tanta ipocrisia ed indifferenza sulla violenza alle donne. La nostra resta ancora una società “maschilista”, dove è...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa