• Notizie
  • Comunicati stampa

Dl Semplificazioni. Colombini: "Con l’emendamento sulle trivelle Governo sceglie l’aumento delle importazioni, della bolletta energetica e la de-industrializzazione del paese"

Roma, 6 febbraio 2019 - "Con il voto di fiducia alla Camera sul Decreto semplificazioni, il Governo, con l’emendamento sulle trivelle, sceglie l’aumento delle importazioni, della bolletta energetica e la de-industrializzazione del paese". Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini.
"Il Ministro Costa chiudendo e danneggiando l’industria della produzione e ricerca degli idrocarburi nazionale sembra volere realizzare in 24 ore la de-carbonizzazione dell’economia italiana. I Ministri Costa e Di Maio, 20 giorni fa, hanno però inviato a Bruxelles il Piano Nazionale Energia e Clima (PNEC) in cui si stima che al 2040 oltre il 60% del fabbisogno energetico nazionale verrà coperto dal gas e dal petrolio, per la maggior parte importato. La loro scelta non è la declamata de-carbonizzazione ma è la de-industrializzazione del nostro sistema energetico e la creazione di un’altra area di forte sofferenza occupazionale del nostro Paese. Sostanzialmente si riduce la produzione nazionale di idrocarburi, di cui circa il 90% è gas, per favorire fortemente l’importazione di gas e petrolio dall’estero con l’effetto di far aumentare la bolletta energetica dei cittadini e delle imprese, creare crisi industriale e occupazionale in uno dei settori che ha costruito il richiamato miracolo economico italiano ed è apprezzato nel mondo per l’eccellenza tecnologica, professionale ma anche per i minori impatti ambientali. La Cisl chiede il confronto immediato sul Piano Nazionale Energia e Clima e la sospensione delle modifiche normative introdotte forzosamente e non giustificate da nessuna urgenza sulle trivellazioni. La Cisl condivide gli obiettivi del PNEC, anzi ne individua anche gli ulteriori miglioramenti in direzione della crescita delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, ma rivendica fortemente il diritto al confronto e alla costruzione di un percorso che dia certezza alla difesa e alla crescita dell’occupazione e al potenziamento delle capacità energetiche del nostro paese. Il 9 febbraio a Roma, la manifestazione unitaria nazionale rivendicherà con forza anche la richiesta del confronto sul futuro energetico e climatico del nostro paese. La lotta ai cambiamenti climatici può e deve realizzarsi con i lavoratori e non contro i lavoratori".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa