Inail. Colombini: "Ora imprese investano in prevenzione su sicurezza lavoro. Decreto interministeriale su riduzione cuneo presenta luci ed ombre"

Roma, 28 febbraio 2019 - “Il decreto interministeriale varato ieri con il quale, tra i diversi provvedimenti, si è intervenuto sulle tariffe dei premi Inail, presenta luci ed ombre”. È quanto scrive in una nota il Segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini. “Da un lato, infatti- sottolinea Colombini- si riduce il cuneo fiscale per le imprese, dall’ altro si tagliano i finanziamenti a favore degli interventi di prevenzione e sostegno alla formazione finanziati dall’Inail. Per questo speriamo le aziende si impegnino ora ad investire le risorse che si andranno a risparmiare in interventi di prevenzione nelle diverse realtà lavorative, in particolare in quei contesti dove le tutele e la garanzia di condizioni di lavoro adeguate sono lontane dall’essere realizzate. A fronte di un quadro non certo positivo che ancora il nostro Paese offre sul livello della salute e sicurezza sul lavoro, come confermano i dati di oggi dell'Inail, occorre un piano di investimenti mirati da parte delle aziende e delle istituzioni. Sono anni che chiediamo l'elaborazione di una Strategia nazionale di prevenzione, la cui mancanza sta determinando un’incertezza diffusa, uno stallo prolungato, una difficoltà di confronto e di lavoro congiunto tra le parti sociali e le istituzioni, sia sul livello nazionale che con le regioni. Segnali forti di disponibilità al confronto ed all’impegno concreto a favore della prevenzione, le organizzazioni sindacali da tempo li stanno dando, ora si attende una risposta forte e concreta, perché l’inerzia non aiuta”.

Stampa