• Notizie
  • Comunicati stampa

Blutec. Furlan: "Non possono pagare i lavoratori per una condotta aziendale a dir poco scandalosa"

Roma, 12 marzo 2019 - “Gli arresti alla Blutec ed il sequestro degli stabilimenti di Termini Imerese in Sicilia e di Rivoli in Piemonte sono un fatto molto grave. I lavoratori non possono pagare in prima persona per effetto di comportamenti illeciti e di una condotta aziendale a dir poco scandalosa. Per questo la giustizia fa bene ad andare fino in fondo. Ma il Governo ora deve intervenire per trovare una soluzione definitiva per il sito di Termini Imerese e dare una prospettiva al territorio ed al futuro di tante famiglie”. Lo scrive sulla pagina Facebook della Cisl, la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando gli arresti dei vertici di Blutec. 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa