• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Sbarra: "Decreto crescita e sblocca cantieri diano risposte su investimenti e riscatto zone deboli". Il 22 giugno a Reggio Calabria manifestazione nazionale per sviluppo Mezzogiorno

2 aprile- "L'obiettivo di una crescita sostenuta, stabile, duratura richiede investimenti produttivi e redistribuzione: non ci sono scorciatoie. Bisogna agire sulle leve delle infrastrutture, delle politiche industriali e del lavoro, di una fiscalità capace di rilanciare capitale produttivo e consumi dove maggiori sono le potenzialità di crescita. La Cisl chiede un netto cambio di marcia nelle politiche economiche del Governo, con misure e risorse adeguate nel decreto crescita e nello sblocca cantieri. Già troppi i ritardi".
Lo ha detto Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl, a margine del convegno "Il nostro progetto per la Calabria", organizzato dalla Cisl regionale a Lamezia Terme.
"C'è una questione Lavoro da affrontare con la massima urgenza e al riparo da scontri di maggioranza. Assolutamente inconcepibile l'inerzia con cui si affronta questo  tema: si cominci a sbloccare il decreto interministeriale sugli ammortizzatori già finanziati per le 18 aree di crisi complesse. Da mesi si assiste a uno stallo insensato, che lascia a reddito zero oltre 60 mila lavoratori". Secondo Sbarra, "bisogna dare gambe solide alla coerenza e aprire a una grammatica partecipata dello sviluppo".
“Per il Sud – ha sottolineato il sindacalista - significa tornare allo spirito della programmazione negoziata, ricollegare l'azione pubblica ai bisogni e alle aspettative di territori flagellati da divari inaccettabili. Vuol dire richiamare alla responsabilizzazione le amministrazioni, implementare strumenti partecipati di controllo, ma anche mettere in campo risorse e strumenti sufficienti per il riscatto sociale e produttivo. Servono strategie specifiche, con risorse aggiuntive e buona qualità della spesa su progetti che rilancino occupazione, competitività e benessere sociale".
“Un meridione guadagnato alla crescita "è la frontiera avanzata della sfida nazionale per lo sviluppo". Per questo "Cgil, Cisl, Uil scenderanno in piazza in maniera unitaria a Reggio Calabria il 22 Giugno in una grande manifestazione nazionale per invocare un radicale cambio di rotta nelle politiche per il Mezzogiorno e per il lavoro", ha concluso Sbarra.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa