Energia. Cgil Cisl Uil: "Da Crippa risposta deludente su situazione centrali a carbone"

Roma, 17 aprile 2019 - Deludente e poco attenta alla gravità della situazione la risposta del Sottosegretario Crippa, del Ministero dello Sviluppo Economico, al presidio di protesta dei lavoratori delle centrali a carbone, che chiedono l’avvio immediato del confronto sulle soluzioni alternative e sostitutive alla prevista chiusura delle stesse.
Nel pomeriggio di oggi, 17 aprile, si è svolto al Ministero dello Sviluppo Economico il presidio di protesta di Cgil Cisl Uil e dei rispettivi Sindacati dei lavoratori elettrici Filctem Flaei Uiltec, insieme ad una delegazione delle rappresentanze dei lavoratori delle centrali a carbone .
L’oggetto della contestazione è stata la convocazione da parte del Sottosegretario Crippa delle Società che gestiscono le centrali a carbone per la programmazione della chiusura delle loro attività.
I Sindacati hanno rivendicato l’urgenza e la priorità  del confronto sulle soluzioni alternative e sostitutive alle centrali  a carbone per gestire la ricollocazione occupazionale dei lavoratori diretti e dei lavoratori dell’indotto che, complessivamente, risultano essere oltre 20.000 persone, e per garantire la sicurezza del sistema energetico nazionale.
Il Sottosegretario Crippa ha fatto comunicare che convocherà le Organizzazioni Sindacali per il 17 giugno prossimo.
Le Organizzazioni Sindacali hanno contestato questa risposta poco attenta delle legittime preoccupazioni dei lavoratori e di grave sottovalutazione delle problematiche complesse che devono essere risolte per procedere alla chiusura delle centrali a carbone, a partire dalla ricollocazione occupazionale dei lavoratori diretti e indiretti occupati in queste attività.
I tempi stringono.
La centrale a carbone di La Spezia, ad esempio, dovrebbe cessare la propria attività entro il 2021 e, a tutt’oggi, non ci sono piani produttivi alternativi sostitutivi né per i lavoratori né per la produzione di energia elettrica che verrà a mancare.
Le organizzazioni sindacali rivendicano con forza e determinazione l’avvio immediato del confronto con i Ministeri competenti su tutte le centrali a carbone per la definizione dei programmi della produzione sostitutiva della loro potenza di produzione energetica e  la ricollocazione occupazionale di tutti i lavoratori.
I sindacati rigettano l’atteggiamento dilatorio del Governo e intendono investire i Sindaci, le Regioni e i Parlamentari locali per essere ascoltati dai Ministri Di Maio e Costa.
 
 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa